Festa del Pescatore e benedizione del mare

Scritto da il 30 Luglio 2018

La Festa del Pescatore non è solo un’occasione di festa, ma anche un corale riconoscimento al lavoro dei pescatori, che quotidianamente escono con le loro barche in mare.

Ieri mattina alle 10.30 nella chiesa-santuario di San Domenico si è svolta la tradizione della messa cantata (dal Coro Popolare Chioggiotto) presieduta dal vescovo di Chioggia mons. Adriano Tessarollo e dal parroco mons. Vincenzo Tosello. Presenti al rito, oltre al sindaco di Chioggia Alessandro Ferro, gli alti rappresentanti della Capitaneria di Porto, dei Carabinieri, della Guardia di Finanza, la consigliere regionale Erika Baldin, l’associazioni e dei Marinai d’Italia, e molti pescatori e fedeli.

Subito dopo la messa il sindaco Alessandro Ferro, che è anche presidente della Fondazione della pesca, organizzatrice della tradizionale ricorrenza, ha premiato alcuni pescatori anziani riconoscendone il valore e l’impegno nel lavoro: Elio Casson, Mario Tiozzo Celi, Renzo Rosteghin, Emilio Chiereghin, Maurizio Fabris e Doriano Scarpa.

A seguire, il saluto della banda cittadina in piazzetta Vigo e l’uscita in laguna e in mare con le autorità a bordo di un peschereccio ed altre barche al seguito. Prima tappa, l’omaggio floreale, benedetto dal vescovo, alla statua dell’Immacolata e seconda tappa più al largo con il significativo lancio di una corona di alloro in mare, in memoria di tutti i pescatori, che contribuiscono con il loro lavoro a rendere fondamentale questo settore dell’economia locale.

Taggato come

Opinione dei lettori

Commenta

La tua email non sarà pubblica. I campi richiesti sono contrassegnati con *



Radio Clodia

play your music

Traccia corrente

Titolo

Artista

Background