Immobili in area demaniale sul Lusenzo, ieri il dialogo a Roma

Written by on 22 Ottobre 2018

Il problema della zona a nord del Lusenzo, dove sono presenti 132 unità abitative in area demaniale e di cui l’Ente sta iniziando a chiedere conto, è sempre all’attenzione dell’Amministrazione Comunale, che sta lavorando per trovare una soluzione. Lo Stato è infatti proprietario di un’area piuttosto ampia nella zona della laguna del Lusenzo a Sottomarina, interessata, già a partire da fine ‘800 e primi decennidel ‘900, da insediamenti di privati che hanno costruito fabbricati ad uso residenziale e commerciale.

Ieri il Sindaco Alessandro Ferro, presente a Roma, ha incontrato il Sottosegretario di Stato del Ministero dello Sviluppo Economico Andrea Cioffi, al quale ha consegnato un dossier sull’argomento.

«Il dialogo con Roma continua e posso dirmi ottimista – spiega il sindaco Alessandro Ferro – anche ieri ho avuto rassicurazioni sull’impegno ad arrivare, dopo tanti anni di tentativi andati a vuoto, alla regolarizzazione delle aree di proprietà dello Stato e dei relativi edifici presenti. Ho sottolineato all’onorevole Cioffi che questi cittadini non sono occupanti abusivi, come oggi vengono definiti dall’Amministrazione dello Stato, ma vittime inconsapevoli, che hanno a loro volta ereditato o regolarmente acquistato case costruite su un’area demaniale e pagando le relative tasse. Il Ministero dello sviluppo economico e in particolare il Sottosegretario Andrea Cioffi, si dimostra in ogni caso attento alle richieste della nostra amministrazione, vista anche l’importanza e l’urgenza dell’argomento, che interessa numerosi cittadini. La strada più favorevole per mettere fine a una questione “centenaria” potrebbe essere quella del Decreto degli Enti Locali, di cui si parlerà i primi mesi del prossimo anno. Ci stiamo lavorando».

Foto:Sottomarina.net


Current track

Title

Artist

Background