Zaia si appella ai giovani:”Mascherina nei locali e in caso di assembramenti. Se torna il Covid tornano le restrizioni”

Scritto da il 22 Giugno 2020

Il presidente della Regione del Veneto Luca Zaia è tornato a parlare nel consueto incontro con la stampa di mezzogiorno da Marghera, dove ha sede la Protezione Civile regionale.

Nel farlo ha voluto però lanciare anche un messaggio forte ed importante ai giovani:”Nel fine settimana tante segnalazioni sul non rispetto delle regole sull’assembramento nelle spiagge, nei bar, nelle piazze. I contagi calano dal 10 aprile, abbiamo affrontato con responsabilità le riaperture del 18 maggio, dicendo che la responsabilità passava in mano ai cittadini. Faccio un appello ai giovani: il rischio di una reinfezione esiste, potete portare a casa dall’assembramento il virus, portate la mascherina nei locali e quando ci sono assembramenti.

Se tornasse il Covid – continua Zaia – dovremmo andar giù con le restrizioni pesanti. Il rischio elevato di una reinfezione è quello di portare a casa, magari da un malato oncologico o da un bimbo immunodepresso. Quindi il mio appello è quello di rispettare le regole. E’ da irresponsabili festeggiare la festa della liberazione dal virus perché non sappiamo come si comporterà, se sarà come la Sars che è sparito o come la Spagnola che ha avuto una recrudescenza. Dobbiamo stare attenti”.

Ad oggi i malati di Coronavirus ricoverati negli ospedali del Veneto sono 223, 2 in meno di ieri, con 29 positività: restano 12 i pazienti in terapia intensiva, con un solo positivo. “Probabilmente – ha concluso Zaia – gli ultimi pazienti rimasti sono i più complicati dal punto di vista clinico. E questi ultimi 223 probabilmente avranno ancora bisogno di cure intense“. 

Taggato come

Radio Clodia

play your music

Traccia corrente

Titolo

Artista

Background