Rimborsi danni da acqua alta, il sindaco chiama in causa Zaia

Scritto da il 8 Ottobre 2020

Chiamato in causa, è il sindaco Alessandro Ferro a rispondere a Beniamino Boscolo Capon in merito alle 542 domande presentate ancora ad inizio anno da soggetti che hanno avanzata richiesta di risarcimento dopo i danni subiti lo scorso novembre.

«È dallo scorso novembre, quindi quasi un anno fa, che l’amministrazione comunale ha messo in campo tutte le azioni necessarie per raccogliere le ricognizioni, prima, e le domande vere e proprie, poi, per poter rendicontare e trasmettere tutta la documentazione alla Regione nei tempi dovuti. Non è necessario fare polemica e rimarcare le differenze rispetto a Venezia, che ha già provveduto al decimo decreto per liquidare le domande dei propri cittadini, ma è palese che dalla gestione commissariale regionale non abbiamo mai avuto un riscontro ufficiale delle nostre sollecitazioni formali, se non solo rassicurazioni verbali, anche qualche giorno fa grazie alle insistenze dell’assessore alla Protezione Civile Genny Cavazzana. 
Le nostre attività erano già in ginocchio dai danni causati dall’Acqua Granda di novembre 2019, poi è arrivato il Covid-19 a rendere la situazione ancora più critica, sia per le attività economiche che rischiano la chiusura, che per i cittadini che hanno subito ingenti danni. È chiaro che ci aspettiamo una risposta e un’azione rapida dal Commissario per l’emergenza, “emergenza” di un anno fa. Luca Zaia: c’è anche Chioggia!»

Taggato come

Radio Clodia

play your music

Traccia corrente

Titolo

Artista

Background