Patti territoriali, a breve nuovo bando del MISE

Scritto da il 24 Febbraio 2021

A breve il Ministero dello Sviluppo Economico pubblicherà un nuovo bando per finanziare i patti territoriali ancora operativi.

Nella Gazzetta Ufficiale n. 19 del 25 gennaio scorso è pubblicato il Decreto del Ministero dello Sviluppo Economico del 30/11/2020 ad oggetto: “Criteri per la ripartizione e il trasferimento delle risorse residue dei patti territoriali da utilizzare per il finanziamento di progetti volti allo sviluppo del tessuto imprenditoriale territoriale, anche mediante la sperimentazione di servizi innovativi a supporto delle imprese, nonché disciplina per la loro attuazione”.
Ogni soggetto responsabile, come si evince dall’articolo 3 del decreto, potrà presentare un solo progetto pilota costituito da singoli interventi pubblici e/o interventi imprenditoriali tra loro coerenti sulla base di tematiche predefinite. Il progetto pilota deve essere accompagnato da uno studio di fattibilità tecnico-economica finalizzato ad illustrare i contenuti tecnici della proposta, l’analisi costi-benefici sulla fattibilità economico-finanziaria e corredato da previsioni economico-finanziarie fino al termine delle attività. Il bando, che verrà emanato dal Ministero entro 30 giorni dalla data di entrata in vigore del decreto, fisserà l’ammontare massimo del contributo assegnabile ad ogni progetto pilota, in funzione delle risorse residue dei Patti territoriali resesi disponibili.

«Quello di Chioggia, Cavarzere e Cona è un patto territoriale ancora attivo – spiega l’assessore al Bilancio e alle Partecipate Daniele Stecco – per cui possiamo e dobbiamo partecipare per portare nuovi incentivi nel nostro territorio, sia per opere pubbliche, che per sostenere la crescita delle nostre aziende. Ricordo, ad esempio, alcune azioni in campo infrastrutturale finanziate e concluse, che hanno riguardato il mercato ortofrutticolo di Brondolo, con la realizzazione delle nuove celle frigo, il mercato ittico all’ingrosso con l’adeguamento strutturale della sala aste, l’area attrezzata per la sosta di camper a Borgo San Giovanni e il punto di sbarco dei molluschi a Punta Poli.
Rimarremo in stretto contatto con gli uffici della Città Metropolitana, che è l’attuale soggetto responsabile per la gestione di tali fondi – continua l’assessore Daniele Stecco – perché si adoperino per presentare le progettualità necessarie al nostro territorio. Un’occasione da non perdere di vista, un lavoro importante di vasto respiro da portare avanti per accedere a nuove risorse per il sistema produttivo e per rilanciare il territorio clodiense».

All’inizio del 2000 il Comune di Chioggia, assieme ad un ampio partenariato economico e sociale locale, ha promosso il Patto territoriale di Chioggia, Cavarzere e Cona, in provincia di Venezia, approvato e finanziato dal Ministero dell’Economia e delle Finanze con decreto dirigenziale n. 2491 del 23 aprile 2001 e del Patto territoriale specializzato nel settore agricolo, della pesca e dell’acquacoltura dell’Area Centro-Sud della provincia di Venezia, approvato e finanziato dal Ministero dell’Economia e delle finanze con decreto dirigenziale n. 2549 del 25 maggio 2001. Entrambi i Patti avevano come soggetto responsabile la Provincia di Venezia.
Dopo quasi due decenni, l’articolo 28 del decreto-legge 30 aprile 2019 ha fissato le procedure per la definitiva chiusura dei procedimenti relativi alle agevolazioni concesse nell’ambito dei patti territoriali. Tale articolo ha, altresì, stabilito che le residue risorse dei Patti territoriali siano utilizzate per il finanziamento di progetti volti allo sviluppo del tessuto imprenditoriale territoriale, anche mediante la sperimentazione di servizi innovativi a supporto delle imprese.
Ad oggi, le risorse residue totali da ripartire nei vari patti territoriali sono stimate in circa 180 milioni di euro e saranno assegnate mediante un imminente bando indetto dal Ministero dello sviluppo economico. In particolare, il bando, atteso per la fine del corrente mese, individuerà le modalità e i termini di presentazione delle domande di finanziamento nonché l’ammontare del contributo per ogni progetto. Al bando potranno partecipare i soggetti responsabili ancora operativi. Anche il Comune di Chioggia potrà presentare un progetto pilota – costituito da singoli interventi pubblici e/o interventi imprenditoriali tra loro coerenti – realizzati da enti locali e piccole e medie imprese, sulla base di tematiche predefinite dal MISE.

Taggato come

Radio Clodia

play your music

Traccia corrente

Titolo

Artista

Background