A centinaia di Veneti somministrato il vaccino AstraZeneca lotto abv2856, la Regione: “Bloccato l’utilizzo”

Scritto da il 11 Marzo 2021

In relazione alla decisione dell’Aifa di vietare l’utilizzo sul territorio nazionale delle dosi del lotto ABV2856 del vaccino AstraZeneca, dopo la segnalazione di alcuni “eventi avversi gravi”,  la Direzione Prevenzione della Regione del Veneto precisa che anche la Regione Veneto ha ricevuto un quantitativo di dosi del lotto segnalato e che la Regione del Veneto ha già provveduto a bloccare l’utilizzo del lotto come da indicazione precauzionale di AIFA.

Sono 17043 le dosi del vaccino AstraZeneca appartenenti al lotto ABV2856, precauzionalmente vietato dall’AIFA seguito di alcuni eventi avversi gravi, in concomitanza temporale con la somministrazione di dosi. Al momento – specifica l’AIFA – non è stato stabilito alcun nesso di causalità tra la somministrazione del vaccino e tali eventi.

Il lotto è stato distribuito in tutte le Aziende Sanitarie del Veneto, tranne nella Ulss 3 Serenissima e nella Ulss 9 Scaligera.

“Anche al sottoscritto, come a tanti altri colleghi docenti, è stato somministrato il vaccino AstraZeneca, lotto ABV2856. Mi faccio portavoce dei cittadini veneti che si trovano nella mia stessa condizione: le autorità sanitarie regionali forniscano con tempestività chiare informazioni su eventuali contromisure da prendere, da qui ai prossimi giorni, al fine di azzerare potenziali rischi”. Lo chiede il Portavoce delle opposizioni a palazzo Ferro Fini, Arturo Lorenzoni.

“Non imputo all’Amministrazione regionale alcuna responsabilità in merito al vaccino stesso – chiarisce lo speaker delle minoranze –  Tuttavia, gli enti preposti raggiungano celermente gli interessati con uno specifico vademecum relativamente a eventuali cautele da osservare o sintomi da tenere monitorati”.

Taggato come

Radio Clodia

play your music

Traccia corrente

Titolo

Artista

Background