Nuovo Lungomare Adriatico, la Soprintendenza boccia le palme ed i percorsi a mare

Scritto da il 29 Marzo 2021

Nei giorni scorsi è arrivata la decisione della Soprintendenza Archeologica, belle arti e paesaggio per il Comune di Venezia e la Laguna che ha bocciato alcuni aspetti relativi al progetto del nuovo Lungomare.

A destare particolare attenzione sembra soprattutto siano stati i percorsi a mare, che secondo la nota della Soprintendenza dovrebbero essere realizzati in legno riciclabile, oltre alla piantumazione di oltre 500 palme ritenute specie non autoctone.

Alla decisione ribatte l’ex assessore ai lavori pubblici Alessandra Penzo:”La situazione odierna dei pennelli a mare è di degrado assoluto. Una situazione che non permette alla nostra spiaggia di mettersi a confronto con gli altri litorali che non hanno avuto questi dinieghi. Quando ci rechiamo a Jesolo troviamo una spiaggia bella, ricca di vegetazione senza alcuna limitazione. Qui ci vediamo costretti a rispettare delle regole imposte da un’ente che non ha capito le esigenze del nostro litorale. Alcuni pennelli a mare erano stati pensati carrabili per permettere il passaggio dei mezzi di soccorso e dei mezzi di pulizia della battigia. La prescrizione della Soprintendenza è quella di realizzarli con tavolati di legno riciclabile, ci possiamo rendere conto che realizzarli in questo modo non permetterà a questi mezzi di poter passare. Il fatto di non poter mettere l’illuminazione e delle piante che creino dell’ombra durante i mesi più caldi non possono permettere l’utilizzo di questi percorsi a mare durante la stagione estiva non solo nell’arco della giornata ma anche in serata”.

Il nostro lungomare e la nostra spiaggia – conclude l’ex Assessore – hanno bisogno di essere rinnovati  e diventre cuna giusta concorrente agli altri litorali limitrofi“.

Taggato come

Radio Clodia

play your music

Traccia corrente

Titolo

Artista

Background