Ponte della Fossetta, M5S: Una nuova costruzione non è più procrastinabile

Scritto da il 17 Settembre 2021

Nel febbraio 2018 l’amministrazione comunale ha dovuto chiudere al traffico veicolare il ponte minore sopra il canale Fossetta, in quanto pericolante anche a causa del transito di mezzi di stazza superiore a 18 tonnellate.

Da allora il Comune ha commissionato la redazione di progetti di fattibilità tecnica ed economica relativi alla sua ricostruzione: dopo due anni dalla chiusura del ponte, l’allora assessora ai Lavori Pubblici non aveva provveduto a far pervenire alla Soprintendenza la richiesta di Verifica d’Interesse Culturale, e solo quando il sindaco ha retto il referato ad interim, a inizio 2021, egli stesso ha provveduto ad inviare la richiesta a sua firma, per riprendere un iter che poteva essere accelerato prima. Una soluzione definitiva non può più attendere: «Tra i primissimi atti della mia amministrazione, se sarò eletto sindaco – spiega il candidato Daniele Stecco – vi è appunto la necessità di scrivere la parola fine a questa vicenda controversa. Il ponte minore sulla Fossetta, che ha poco meno di un secolo, dovrà lasciare spazio a una nuova costruzione, con i crismi della modernità. Non è la prima volta, dall’apparizione della Madonna al contadino Baldassarre nel 1508, che si avvicendano diversi ponti per consentire il passaggio verso il santuario. Nel tempo la zona ha conosciuto una progressiva urbanizzazione, e mai come ora la liberazione del ponte e del quartiere Fossetta diventa cruciale per la viabilità cittadina. Agli abitanti del quartiere dico che mi impegno, fin da subito, ad accorciare ulteriormente i tempi per l’approvazione del progetto e l’affidamento dell’appalto. È un tema che abbiamo a cuore e che ci rincresce di non aver potuto risolvere prima».

Taggato come

Radio Clodia

play your music

Traccia corrente

Titolo

Artista

Background