Notizie Locali

Armelao incontra Arriva Veneto: Una corsa diretta per l’Ospedale dell’Angelo e via i bus da Borgo San Giovanni

today2 Novembre 2021

Background
share close

Mauro Armelao, neo eletto sindaco di Chioggia, ha nelle scorse ore incontrato la dirigenza di Arriva Veneto, per chiedere alcuni miglioramenti al servizio di trasporto pubblico locale con l’intento di togliere il più possibile le auto dalla Strada Statale Romea.

Tra le proposte avanzate ai vertici di Arriva Veneto da Armelao vi è l’istituzione di una corsa diretta di andata e ritorno da Chioggia verso Ospedale all’Angelo e viceversa, possibilità di percorrere via Cavour e via Naccari dimezzando così i passaggi nel quartiere di Borgo San Giovanni, prevedere una fermata in viale Stazione a Mestre e possibilità di portare i depositi dei bus in zona Val da Rio.

Ho chiesto all’Ulss 3 Serenissima il numero di dipendenti, residenti a Chioggia, che lavorano presso l’ospedale all’Angelo, in modo da poter chiedere ad Arriva Veneto di creare una corsa diretta” spiega Mauro Armela attraverso una nota. “L’idea è quella di evitare che questi lavoratori siano obbligati a prendere l’auto, con il conseguente pericolo nel percorrere la statale Romea. Pensò ad esempio ai dipendenti che dopo la notte ritornano a casa. Quindi una corsa dovrebbe partire alle 5.30 del mattino e una volta arrivata all’Angelo caricare quelli che terminano il turno di notte. In sintesi tre corse al giorno, sei se consideriamo andata e ritorno. Così facendo è possibile mettere al sicuro i lavoratori e Arriva Veneto avrebbe nuovi clienti che ora non utilizzano il servizio pubblico per la scomodità nel dover cambiare due bus“.

Sto seguendo attentamente – continua il sindaco di Chioggia – la questione che riguarda la possibilità di ridurre i passaggi dei bus per Borgo San Giovanni: si sta studiando come procedere per far in modo che i bus transitino una sola volta sia in partenza che in arrivo, facendoli transitare per la zona Tombola e mettendo in sicurezza le abitazioni di via Cavour attraverso l’installazione di un cordolo che andrebbe a distanziare ulteriormente il passaggio dei mezzi dai palazzi. Così avremmo il dimezzamento netto dei bus in transito a Borgo San Giovanni creando maggiore sicurezza per il quartiere e dando più  tranquillità agli stessi autisti. Su questa questione anche la comunità di Borgo San Giovanni e la stessa parrocchia avevano chiesto una soluzione”.

Nel corso dell’incontro si è poi parlato anche della possibilità di creare una fermata di carico nel piazzale utilizzato dai bus Actv e Atvo vicinissimo alla stazione ferroviaria di Mestre in modo da evitare di far percorrere molta strada, anche nelle ore notturne, per raggiungere la fermata sul cavalcavia Vempa.

Ultima questione – conclude il sindaco- riguarda uno studio di fattibilità per poter trasferire gli attuali depositi dei bus che si trovano a Borgo San Giovanni, in zona Val da Rio. Liberando il parcheggio dai bus nel quartiere di Borgo San Giovanni, non solo si toglierebbe ulteriormente altro traffico in una zona densamente popolata, ma si andrebbe così a creare una sorta di nuovo parcheggio per le auto in vista di una messa in opera della ZTL, che ripeto partirà solo dopo aver incontrato tutte le associazioni di categoria, parrocchie, residenti ecc. Si potrebbero utilizzare poi delle navette per portare le persone in centro storico”.

Segnali positivi sono arrivati dall’azienda che si occupa del trasporto pubblico:“Arriva Veneto si è mostrata disponibile e collaborativa” ha detto il sindaco dopo l’incontro. Poi ha aggiunto: “Quanto sopra riportato dovrà comunque essere concordato per quanto riguarda i tragitti e le fermate con la città Metropolitana che è competente sulla questione, mentre per ciò che concerne lo spostamento del deposito dovrò parlarne con l’autorità portuale, prevedendo anche un cambiamento a livello urbanistico”.

Written by: Redazione

Rate it

Previous post

Dalla città metropolitana

Il Mo.S.E. salva Chioggia e Venezia da una marea superiore ai +130cm

Ancora una volta il sollevamento delle barriere mobili del Mo.S.E. ha permesso di salvare ieri sera Chioggia e Venezia dall'acqua alta. Differenti, anche a causa del vento di Scirocco, i colmi di marea raggiunti intorno alle 20:45 di ieri: dai 123cm registrati alla piattaforma del CNR ai +139 cm registrati alla diga del Lido, passando per i +133cm registrati nelle dighe di Chioggia e Malamocco. All'interno della laguna invece il […]

today2 Novembre 2021


0%