Notizie Locali

Capodanno: A Chioggia fuochi si, ma lontano dai luoghi sensibili

today28 Dicembre 2021

Background
share close

Fuochi si, ma lontano dai luoghi sensibili. È questo in sintesi il contenuto dell’ordinanza che è in vigore fino al prossimo 7 gennaio firmata dal sindaco Mauro Armelao ad oggetto: “Disciplina accensione di articoli pirotecnici – limitazioni e divieti dal 20 dicembre 2021 al 7 gennaio 2022”.

Con l’ordinanza si vieta l’utilizzo di articoli pirotecnici di qualsiasi categoria, specie e tipo, ad una distanza inferiore a 150 metri da ospedali, case di cura, case di riposo, ricoveri zootecnici per la tutela degli animali d’affezione (canili, etc). È vietato, inoltre, l’utilizzo in prossimità di cassonetti di raccolta rifiuti, aree di deposito rifiuti, in presenza di sostanze e depositi di materiale infiammabile, sterpaglie, ecc.

Nell’ordinanza è autorizzato, invece, l’utilizzo dei fuochi d’artificio per i restanti luoghi e per il periodo indicato, sempre nel rispetto delle prescrizioni e delle minime distanze di sicurezza indicate negli stessi, nelle fasce orarie che vanno dalle 8 alle 20 di ogni giorno, fatta eccezione per la notte di Capodanno e in quella della Befana, in cui gli orari si protraggono sino alle 3.

«Rinnovo il mio appello alla sensibilità di tutti – sottolinea il sindaco Mauro Armelao – e in particolare modo dei genitori, perché vigilino sui figli, affinché non ne facciano un utilizzo improprio, con lo scoppio di petardi che portino ad eventuali infortuni, come a conseguenze negative per la tranquillità psicofisica di persone anziane, bambini e ammalati, oltre che per gli amici animali».

Nell’ordinanza si raccomanda, inoltre:
– di acquistare i fuochi artificiali esclusivamente presso rivendite autorizzate, assicurandosi che gli stessi riportino apposita etichettatura e siano in vendita regolarmente al pubblico;
– di impedire a chiunque di raccogliere eventuali artifici non esplosi abbandonati nel luoghi frequentati
– di vigilare sui minori, in particolare sui fanciulli affinché gli stessi non facciano uso ovvero detengano prodotti al fine di evitare qualsivoglia situazione di pericolo derivante da un utilizzo improprio o inopportuno dei medesimi.

Le violazioni all’ordinanza saranno punite con sanzione amministrativa pecuniaria da 25 a 500 euro e il sequestro dei fuochi d’artificio.

Written by: Redazione

Rate it

Previous post

Notizie Locali

I balneari di Chioggia a Roma per chiedere attenzione per il comparto

I presidenti di Gebis, Cisa camping e Ascot, in rappresentanza del Veneto, e dieci concessionari balneari di Chioggia oggi a Roma per incontrare il ministro del turismo Massimo Garavaglia e chiedere il sostegno del Governo per accompagnare il comparto nell’applicazione della direttiva Bolkestein, anticipata dalle recenti sentenze del Consiglio di Stato al primo gennaio 2024. La manifestazione, organizzata da Sib Confcommercio e Fiba Confesercenti, mirava a sensibilizzare l’esecutivo per ottenere […]

today28 Dicembre 2021


0%