Chioggia, gli albergatori:”Serve riformare la Sagra del pesce”

Scritto da il 12 Gennaio 2022

La sagra del pesce venga riformata: il cambiamento imposto dal Covid venga visto come un’opportunità”. Ad affermarlo, dalle pagine di ChioggiaInDiretta e dalle colonne de La Voce di Rovigo, è il presidente dell’Associazione degli albergatori di Chioggia, Giuliano Boscolo Cegion. La storica manifestazione, ormai, non si fa da ben due anni e per la città e il mondo del turismo è una grossa perdita con turisti che prenotavano negli alberghi appositamente per mangiare alla sagra in centro storico.

Da tempo l’Asa ne chiede un cambiamento a 360 gradi e, l’anno scorso, aveva commissionato anche uno studio ad una nota società padovana.

Una richiesta, quella degli albergatori della città e portata avanti dal loro presidente, che si protrae da tempo. Lo scorso anno inoltre era stato anche commissionato uno studio a riguardo.  “E dallo studio – afferma Giuliano Boscolo Cegion – era emerso che la sagra del pesce si sarebbe potuta fare anche l’estate scorsa in tutta sicurezza, ovviamente ripensandola. Si è invece preferito annullarla, ma quest’anno è fondamentale avviare il prima possibile i discorsi per riportarla in Corso del Popolo. E’ un evento che ci caratterizza e che, a livello turistico è molto richiesto. Come Asa abbiamo già richiesta da parte di possibili clienti e anche il consorzio Lidi di Chioggia è stato di recente contattato per sapere se la sagra si farà oppure no”.

Per quanto riguarda l’edizione 2022 della Sagra del Pesce, al momento dall’amministrazione comunale – così come per tutte le manifestazioni estive – non filtra ancora nulla, se non l’intenzione di voler rottamare le casette degli stand della Sagra utilizzate come cucine, che dopo due anni di inattività non sarebbero nemmeno più a norma. Una necessità che potrebbe accelerare il processo di rinnovamento di una delle sagre più antiche ed apprezzate d’Italia.

Siamo già in ritardo – incalza il Presidente degli albergatori chioggiotti – è adesso che l’evento dovrebbe essere pubblicizzato. Come ASA chiediamo al Comune di essere informati e di partecipare alle riunioni con le associazioni che gestiscono gli stand visto che poi siamo noi che dobbiamo ‘vendere’ questo prodotto ai turisti. In più quella del Covid deve essere vista come un’occasione di cambiare in meglio questo evento. Non è ammissibile che, come negli anni scorsi, i turisti facciano ore di coda in piedi per mangiare una frittura. Dobbiamo cogliere l’occasione per migliorare quelli che erano i nostri punti deboli, ripensando anche la collocazione e il numero degli stand e le modalità e le distanze dei posti a sedere. E va fatto il prima possibile, non si può immaginare un altro anno senza la sagra del pesce. I tempi sono maturi per cambiarla e adeguarla alla presenza della pandemia con cui siamo costretti a fare ancora i conti”.


Radio Clodia

play your music

Traccia corrente

Titolo

Artista

Background