Attacco hacker Ulss 6: l’opposizione in Consiglio regionale chiede informativa in commissione Sanità

Scritto da il 19 Gennaio 2022

I consiglieri di opposizione in Consiglio regionale “convocano” l’assessore alla Sanità, assieme ai dirigenti dell’area Sanità e al direttore generale dell’Ulss 6 Euganea, chiamati a riferire in quinta commissione per un’informativa su quanto accaduto dopo l’attacco hacker ai danni dell’Ulss 6 Euganea. Attacco culminato con la pubblicazione di oltre novemila file nel dark web, contenenti i dati sottratti all’Ulss, comprese informazioni riguardanti lo stato di salute di cittadini e altre informazioni relative al personale sanitario: un data breach che preoccupa e non può che sollevare diversi interrogativi sulla sicurezza informatica e la protezione dei dati sanitari dei cittadini veneti. Di qui la richiesta formale dei consiglieri di Pd, del M5S, Europa Verde e Veneto che vogliamo, assieme al portavoce Lorenzoni, di acquisire informazioni ai sensi dell’art. 54 del Regolamento consiliare, trasmessa ai presidenti del Consiglio regionale e della quinta commissione consiliare, competente in materia di sanità.

“Ci chiediamo se la Regione del Veneto, nel 2022, possieda un sistema di disaster recovery o di limitazione dell’area coinvolta dal danno. Sono trascorsi 45 giorni di down oltre alla fuga di dati. Ora anche la pubblicazione di dati sensibili. Nella stagione della digitalizzazione l’impreparazione del Veneto è grave. Focalizzare tutto sul mancato pagamento del riscatto agli hacker è fuorviante”, dichiarano i consiglieri del Partito democratico.

“Chiediamo la massima trasparenza da parte della Regione, vogliamo sapere cos’è stato fatto per tutelare la privacy dei cittadini e proteggere i loro dati sanitari”, aggiunge Erika Baldin del Movimento 5 Stelle.

Cristina Guarda (Europa Verde) ricorda che “già al tempo degli attacchi a carico del sistema informativo della Regione Lazio, avevo chiesto alla Giunta veneta rassicurazioni sulla capacità dei sistemi informativi regionali di resistere ad attacchi analoghi, ricevendo una risposta rassicurante, però smentita dai fatti. Sull’attacco all’Ulss 6 depositai una interrogazione, ad oggi senza risposta. Ritengo dunque necessario e urgente il richiesto passaggio informativo presso la commissione Sanità del Consiglio regionale”.

“È tempo di investire davvero sulla cyber security perché non è accettabile aver gestito con improvvisazione una questione così delicata, come la divulgazione di dati sensibili dei veneti. Il personale sanitario per più di un mese ha dovuto lavorare ‘con carta e penna’ e con i conseguenti disagi mentre la curva dei contagi stava crescendo esponenzialmente», dichiara Elena Ostanel del Veneto che Vogliamo.

Il portavoce dell’opposizione Arturo Lorenzoni osserva infine che «il furto dei dati subito dall’azienda è di una enorme gravità e fa rabbrividire il tentativo di minimizzarne la portata. Chiediamo un’informazione tempestiva e completa sull’accaduto e sulle misure adottate per la tutela dei diritti dei cittadini”.

Taggato come

Radio Clodia

play your music

Traccia corrente

Titolo

Artista

Background