Chioggia “Capitale Italiana della Cultura 2024”, Pino Penzo: “È un sogno che diventa realtà!”

Scritto da il 31 Gennaio 2022

È un sogno che diventa realtà!” commenta a caldo Pino Penzo, che per primo ha lanciato in città l’idea della candidatura, dopo aver ricevuto la comunicazione ufficiale del Ministero dei Beni Culturali, che inserisce Chioggia nella short list delle 10 candidate finaliste per il titolo di Capitale Italiana della Cultura 2024.

Come cittadini di Chioggia e come gruppo promotore di questa candidatura siamo felici e profondamente orgogliosi. Eravamo consapevoli di aver fatto un buon lavoro e l’ingresso nella rosa delle prime 10 è già un grande riconoscimento. Ora arriva la parte più adrenalinica della sfida. Le finaliste sono tutte città molto interessanti e l’audizione sarà un banco di prova impegnativo che l’amministrazione comunale e il project manager sapranno gestire al meglio. Ma siamo anche certi che il nostro progetto prenderà forma comunque, perché in città il processo di trasformazione è avviato. Ci auguriamo che sia da parte dell’amministrazione comunale che da parte dei cittadini ci sia la presa di responsabilità per migliorare la città in tutti i suoi aspetti fondamentali, prerequisiti essenziali per continuare il percorso verso la trasformazione di questa città“.

Proprio sotto al post su Facebook con il quale Pino Penzo annunciava l’importante risultato è arrivato anche il commento di Pierluca Donin, già assessore alla cultura del Comune di Chioggia con la giunta Casson, e direttore del circuito teatrale regionale ARTEVEN che ha affermato come “Essere con Vicenza ci deve già riempire d’orgoglio“.

Erano troppe le sensazioni positive di passare in finale vista la stampa di questi giorni e sarei rimasto deluso nel caso non fossimo passati, ma ora il sogno si sta avvicinando e ce la metteremo tutta!” è stato invece il commento di Nicola Nicchetto, componente del comitato promotore di “Chioggia Capitale della Cultura 2024”.


Radio Clodia

play your music

Traccia corrente

Titolo

Artista

Background