Dalla città metropolitana

A Mestre apre la prima stazione di servizio per il rifornimento di idrogeno in ambito urbano d’Italia

today11 Giugno 2022 2

Background
share close

Con il taglio del nastro avvenuto questa mattina, venerdì 10 giugno, entra in funzione a Mestre la prima stazione di servizio urbana e aperta al pubblico d’Italia dove è possibile effettuare rifornimento a idrogeno. La struttura, realizzata da Eni vicino alla rotonda di parco San Giuliano, è stata inaugurata alla presenza del sindaco di Venezia, del direttore generale di Energy evolution Eni, Giuseppe Ricci e dell’amministratore delegato di Toyota Italia, Luigi Ksawery Luca’. La casa automobilistica destinerà dei modelli a idrogeno al Comune e altri per il car sharing.

All’evento erano presenti anche gli assessori comunali alla Mobilità e all’Ambiente, oltre al presidente della Municipalità di Mestre Carpenedo e alcuni consiglieri comunali. L’impianto, è stato spiegato, è dotato di due punti di erogazione, con una potenzialità di oltre 100 kg/giorno, che possono caricare autoveicoli in circa 5 minuti e autobus.

Questo slideshow richiede JavaScript.

All’interno della stazione di servizio, è stato sottolineato, sono presenti innovativi e specifici apparati di sicurezza e antincendio. Nella struttura, ricostruita nei mesi scorsi e riaperta al pubblico da febbraio, è presente inoltre una colonnina per la ricarica elettrica con due postazioni da usare anche in contemporanea.

In linea con l’accordo siglato nel 2019 tra Comune, Città metropolitana di Venezia, Eni e Toyota sono state consegnate alla città tre vetture a idrogeno che saranno utilizzate come auto di rappresentanza dal Comune di Venezia. Altre tre entreranno a far parte del parco auto dedicato al servizio di car sharing comunale “Kinto Share”. Mentre le ultime quattro, per un totale di dieci auto consegnate, verranno introdotte nei prossimi mesi.

Written by: Redazione

Rate it

Previous post

Notizie Locali

Veritas contro alcuni esercenti di Riva Vena:” Non abbandonate rifiuti, solo così la città sarà pulita”

Con una nota Veritas si scaglia contro alcuni esercenti di Riva Vena che "hanno la pessima abitudine di abbandonare i rifiuti accanto ai bidoni dopo il passaggio degli operatori di Veritas, con il risultato di creare vere e proprie discariche maleodoranti, che rimangono fino al successivo passaggio dei netturbini". Il problema, secondo l'azienda che si occupa della raccolta e dello smaltimento dei rifiuti, è causato soprattutto dagli utenti che non […]

today10 Giugno 2022 9


0%