Notizie dal Veneto

Giovani al cinema: La Regione finanzia 10mila abbonamenti agevolati per riportare i ragazzi nelle sale

today3 Ottobre 2022 20 5

Background
share close

Promuovere, tra i più giovani, il ruolo della sala cinematografica quale spazio culturale in cui la visione di un film sia un’occasione di dialogo e analisi critica. Muove da questi obiettivi l’iniziativa “I Giovani al Cinema”, progetto pilota promosso e finanziato dalla Regione del Veneto, realizzato dall’AGIS e dall’ANEC delle Tre Venezie, all’interno delle azioni de “La Regione del Veneto per il Cinema di Qualità”, che puntano a consentire agli esercenti di interagire in modo innovativo con il pubblico sull’opera proiettata in sala, ad offrire opportunità per accrescere la conoscenza e la capacità critica del pubblico, nonché ad avvicinare il pubblico più giovane alle sale cinematografiche.

L’iniziativa consentirà ai giovani fino ai trentacinque anni di età di sottoscrivere un abbonamento a prezzo agevolato di euro 15.00, che consentirà loro la visione di cinque film nell’arco di cinque mesi dal momento dell’acquisto scegliendo una tra le sale cinematografiche aderenti in Veneto.

L’ideazione del progetto coglie appieno anche i risultati del Rapporto annuale 2022 dell’Istat e della recente indagine estensiva “Gli italiani e il cinema – La fruizione di film dentro e fuori le sale italiane” curata di SWG S.p.A. per la Direzione generale Cinema e audiovisivo del MiC (6 settembre 2022). Nello specifico l’Istat ha rilevato come la distribuzione della partecipazione culturale fuori casa per fasce di età abbia mostrato una curva che via via, tra il 2019 e il 2021 è risultata sempre più appiattita, in corrispondenza delle età più giovani. A partire da questo scenario, tuttavia, l’indagine commissionata dalla Direzione generale Cinema e audiovisivo del MiC, rileva, tuttavia, come l’autunno presenti dei segnali incoraggianti: un aumento del 51% di fruitori rispetto al primo semestre del 2022 in termini di fruizione sia occasionale (55%) sia regolare (4%). Un potenziale recupero che può arrivare ad +69% contenendo il prezzo del biglietto entro gli 8 euro.

“E’ un progetto pilota con il quale la Regione del Veneto si pone l’obiettivo di promuovere presso le generazioni più giovani, il ruolo della sala cinematografica quale spazio culturale in cui la visione di un film rappresenta un’esperienza condivisa e un’occasione di dialogo e di analisi critica – dichiara l’assessore regionale alla Cultura, Cristiano Corazzari – Si tratta di un’azione concreta che si inserisce nell’ambito delle attività avviate “La Regione del Veneto per il Cinema di Qualità” e con il sostegno regionale sarà possibile l’emissione di 10.000 abbonamenti, offerti ai giovani fino a trentacinque anni di età, per la visione di cinque film nell’arco di cinque mesi dal momento dell’acquisto”.

“L’iniziativa dell’abbonamento per i cinema del Veneto finanziata della Regione e proposta dell’Agis-Anec Triveneta è un’azione atta alla ripartenza delle nostre sale e che altre amministrazioni regionali guardando con interesse. – dichiara Franco Oss Noser, Presidente Unione Interregionale Triveneta AGIS – Questo dimostra ancora una volta che le proposte della nostra Associazione sono frutto della profonda conoscenza del settore al servizio dei cittadini”.

“In un momento particolarmente complicato per le sale cinematografiche che stanno faticosamente recuperando gli spettatori del periodo ante pandemia, acquista grande importanza questo sostegno della Regione del Veneto, – sottolinea Massimo Lazzeri, Presidente Sezione Interregionale ANEC delle Tre Venezie – proprio perché incentiva la fruizione di film nelle sale in tutto il territorio regionale da parte dei giovani, nella prospettiva di creare un pubblico anche per il futuro”.

Sono complessivamente quarantatré le sale aderenti, tra le quali anche quella del Cinema Teatro Don Bosco di Chioggia.

Written by: Redazione

Rate it

Previous post

Notizie Locali

Magazzini del Sale, Montanariello:”Nessun rilievo di ARPAV, situazione preoccupante”

“Apprendo ufficialmente da Arpav che, anche dopo il crollo della copertura dei Magazzini del Sale di Chioggia avvenuta lo scorso agosto, ad oggi, non è stato effettuato alcun rilievo presso il sito, ‘non essendo stata allertata da parte di alcuna istituzione o privato cittadino’. Ciò significa che si continua a navigare al buio e che nessuno ha esatta contezza delle conseguenze ambientali e sanitarie. Resta insomma aperta l’ipotesi di una […]

today3 Ottobre 2022 92


0%