Notizie dal Veneto

Disagi sulla linea ferroviaria Chioggia – Rovigo, Montanariello:“La giunta regionale risponde con un nulla di fatto”

today24 Novembre 2022 20 4

Background
share close

“Sui pesanti disagi subiti dai pendolari della tratta ferroviaria Rovigo-Chioggia, la Giunta regionale ha risposto alla mia interrogazione con un nulla di fatto che lascia ancora in sospeso la soluzione dei problemi”. Lo afferma il consigliere regionale del Partito Democratico Jonatan Montanariello, vicepresidente della commissione consiliare Trasporti.

“Una risposta – spiega l’estensore dell’interrogazione – che si limita a ribadire ciò che già sappiamo bene. Ovvero che ‘la linea ferroviaria in esame è proprietà di Rete Ferroviaria Italiana’ e che ‘l’esercizio ferroviario è in capo a Infrastrutture Venete S.r.l., società regionale, che lo esercita attraverso l’impresa ferroviaria Sistemi Territoriali S.p.A’. Pure la spiegazione della mancata regolarità dei servizi non dice nulla di nuovo: ‘può derivare da situazioni da ricondurre a problematiche di tipo tecnico attribuibili al gestore dell’infrastruttura, quali malfunzionamenti degli impianti di controllo, piuttosto che all’impresa ferroviaria, quali ad esempio l’assenza improvvisa per malattia del personale’. Parole che dicono tutto e il contrario di tutto”.

“Viene infine ribadito – conclude Jonatan Montanariello – che ‘la Regione interloquisce formalmente, sia con i gestori dei servizi che dell’infrastruttura, e mette in atto tutte le azioni conseguenti, finalizzate al superamento delle criticità’. Ma di azioni vere per mettere fine a questo disagio non se ne vede ancora l’ombra. Si tratta di uno stallo molto grave”.

Written by: Redazione

Rate it

Previous post

Dalla città metropolitana

Dolfin:”Bene il Mose, ma sono sempre più indispensabili le conche di navigazione”

«L’innalzamento del Mose di martedì ha indubbiamente salvato la città di Venezia da una mareggiata eccezionale che, altrimenti, avrebbe devastato il centro storico. Un’opera così imponente, però, non può prescindere da un sistema di tutela anche delle marinerie e dei pescherecci. E nonostante si siano trovati dei punti di raccordo tra la capitaneria di porto e il centro di controllo per la gestione del Mose, che ha permesso comunque ai […]

today24 Novembre 2022 24


0%