Notizie Locali

Torna la Marciliana, ma qual è la sua origine?

today16 Giugno 2023 833 13 5

Sfondo
share close

di  L.M. Marchetti

Anche quest’anno, a 32 anni dalla prima edizione, tornerá nel centro storico di Chioggia la Marciliana, evento che mostra agli abitanti ed ai turisti com’era la cittá ai tempi medievali, con usanze e costumi tipici dell’epoca.
La manifestazione, che rientra sempre tra gli eventi piú importanti della regione Veneto, riporta tutti gli osservatori in un periodo di guerra, la guerra di Chioggia, che ha segnato la storia delle Repubbliche Marinare della Serenissima e di Genova.

Questa si svolse tra il 1378 e il 1381 e fu l’ultimo vero scontro tra le due potenze, dato che portó entrambe allo stremo militare ed economico. La causa generale del conflitto fu per motivi commerciali, in particolare per gli scambi verso l’attuale Turchia, ma la goccia che fece traboccare il vaso fu una lotta politica avvenuta a Cipro, per la quale alcuni nobili genovesi vennero defenestrati da dei nobili veneziani.

Da qui nacque l’alleanza tra veneziani e ciprioti, ma anche tra Genova e il re “Luigi” d’Ungheria e di Croazia. Dall’inizio della guerra (metá 1378) fino ai primi momenti della battaglia di Pola, nel 1379, sembrava tutto favorevole alla Serenissima, invece cambió l’inerzia del combattimento quando alla fine Genova vinse questo scontro nel luglio dello stesso anno, riuscendo un mese dopo a radere – politicamente – al suolo anche Chioggia e Sottomarina, rendendo quindi le due cittadine di dominio genovese. Finché questi salirono a conquistare anche Pellestrina, gli alleati ungheresi lottarono per conquistare Treviso.

Quando arrivarono al punto di conquistare anche la capitale della Repubblica Serenissima, i veneziani sbarrarono i canali e fortificarono le isole confinanti, così da bloccare l’avanzata nemica. Riuscendo a difendersi, a dicembre questi vennero a riprendersi Chioggia per poi, sei mesi dopo, scacciare i genovesi anche da Pellestrina.

Il fatto si concluse nel 1381 con la diplomatica Pace di Torino, nella quale prima la Dalmazia venne ceduta da Venezia al re Luigi (in cambio di una retribuzione annuale), poi Cavarzere venne ceduta da Padova a Venezia, ed infine con Genova che fece ritirare le truppe dai territori occupati.

L’evento portò alla totale distruzione di Sottomarina, che venne ricostruita molti secoli dopo assieme ai suoi Murazzi.

I banchetti che vengono allestiti per la Marciliana sono una piú o meno fedele rappresentazione degli svaghi o dei mestieri di quel tempo, lo stesso vale per i brani musicali suonati e cantati dai musicisti coinvolti.
Vengono messe in atto anche scene quotidiane del medioevo clodiense nelle calli e nelle rive. In genere l’evento si conclude con l’incendio alla torre. C’è anche un torneo della balestra che vede in competizione cinque contrade storiche che si sfidano dal 1993, proprio in questa occasione.

Dal 16 al 18 Giugno si rievoca la storia immersi nell’atmosfera medievale di Chioggia oppure alla tv, domenica in diretta su Rai 3 .

Scritto da: Redazione

Rate it

0%