Notizie Locali

Nave da carico panamense fermata dalla Guardia Costiera di Chioggia per gravi carenze tecniche

today6 Luglio 2024 27

Sfondo
share close

Fermo amministrativo nei confronti di una nave di tipo RO-RO cargo che non è risultata conforme agli standard di sicurezza: l’intensa attività di controllo della Guardia Costiera a bordo delle navi italiane e straniere che scalano il porto commerciale di Chioggia ha portato alla sospensione della partenza della nave e al pagamento amministrativo delle spese previste.
Nel quadro degli obiettivi di salvaguardia della vita umana in mare e tutela dell’ambiente marino e costiero, venerdì 5 luglio gli ispettori del nucleo Port State Control – PSC della Guardia Costiera di Chioggia, sotto il coordinamento della Direzione Marittima di Venezia, hanno adottato il formale provvedimento di detenzione a carico della nave di bandiera panamense, gestita da una compagnia di navigazione turca.

Il provvedimento è stato imposto poiché la nave, approdata nei giorni scorsi presso lo scalo di Val da Rio, è risultata non soddisfare le pertinenti convenzioni internazionali, in particolare sono state rilevate gravi carenze riguardanti la sicurezza della navigazione e la gestione delle manutenzioni, soprattutto relativi a macchinari e sistemi antincendio, nonché per gli aspetti di prevenzione inquinamento, il corretto trattamento dei rifiuti prodotti a bordo.

Il mercantile, prima di riprendere il mare, dovrà ripristinare quanto prescritto e sostenere nuovi controlli da parte degli ispettori delegati dallo stato di bandiera, responsabile del rilascio della certificazione di sicurezza e infine quelli dello stesso Nucleo dei militari di Chioggia.

Il Corpo delle Capitanerie di porto – Guardia Costiera mantiene alto l’impegno nella lotta al fenomeno delle navi “sotto standard” che, in difformità alle convenzioni internazionali, navigano con gravissimo rischio per la sicurezza dei trasporti marittimi e dell’ambiente marino, oltre che per la sicurezza e le condizioni di vita delle persone che vivono e lavorano a bordo.

Scritto da: Redazione

Rate it

0%