Dalla città metropolitana

Arriva Veneto, Dolfin: “Ancora disagi per le corse cancellate. Ora basta”

today28 Luglio 2023 35 12

Sfondo
share close

“Arriva Veneto, si registrano nuovi disagi per viaggiatori e pendolari. Un servizio pubblico non può essere offerto a ‘spot’ agli utenti: servono continuità e costanza. Chiedo l’attivazione di un tavolo tecnico tra l’azienda e l’Ente di Governo del Tpl del Bacino per risolvere questa situazione che vede al centro del problema la carenza di autisti”. Così Marco Dolfin, Consigliere regionale dell’Intergruppo Lega – Liga Veneta che aggiunge: “Forse una programmazione errata del personale in servizio, con l’aggiunta delle ferie, delle possibili malattie e permessi vari, tutto ciò causa riflessi negativi sull’intero servizio e a ricaduta sugli utenti. Dopo un breve periodo di miglioramento, infatti, ora si registrano di nuovo disagi, con corse cancellate sulle linee 80 e 85, comunicate in questa ultima settimana dall’Azienda. Già a fine maggio ho inviato una missiva all’Ente di Governo del Tpl del Bacino di Venezia, informando gli stessi uffici regionali competenti, segnalando i disagi causati dalle ripetute cancellazioni delle corse sulle linee 80 ‘Sottomarina – Chioggia – Venezia’ e 85 ‘Sottomarina – Chioggia – Mestre – Aeroporto Marco Polo’ di Arriva Veneto, che vengono quotidianamente utilizzate da centinaia di studenti e lavoratori per gli spostamenti tra Chioggia e Venezia, nonché dai turisti che dall’aeroporto di Venezia desiderano raggiungere Chioggia e viceversa”.

“Una situazione precaria, con alti e bassi, che ormai si perpetua da mesi – chiude il Consigliere – e che non è più sostenibile, in particolare per gli enormi disagi ai lavoratori pendolari. Chiedo quindi di intervenire con assoluta urgenza per riportare alla normalità il servizio di trasporto nelle linee qui richiamate, nel rispetto del contratto di affidamento del servizio e soprattutto nel rispetto dell’utenza interessata. Sono a conoscenza di tentativi e passaggi sindacali aziendali, ma se la situazione non dovesse risolversi segnalerò i disservizi alla Prefettura, chiedendone l’intervento”.

Scritto da: Redazione

Rate it

0%