Notizie dal Veneto

Fertilia e il “Ritorno alla terra dei padri”, Ciambetti “Una storia di emigrazione che ha molto da insegnare ancora oggi”

today6 Settembre 2023 45

Sfondo
share close

“Nel 1948, 53 famiglie di esuli di Istria, Fiume e Dalmazia, bordo di 13 pescherecci, abbandonarono le loro case e si diressero verso Fertilia, città della Sardegna fondata nel 1936 per dare una risposta alla popolazione in eccesso del Ferrarese. In pochi anni i rappresentanti della numerosa comunità veneta e ferrarese trasformarono Fertilia e la paludosa laguna del Calich in un luogo fertile e produttivo. Ereditando la tradizione veneta dei nuovi arrivati, Fertilia è stata dedicata a San Marco e lì campeggia il suo simbolo, il leone alato. Oggi c’è chi ha voluto ripercorrere a ritroso quel viaggio, ricongiungendo la comunità della città giuliana della Sardegna con le terre da cui giunsero quelle famiglie ma soprattutto dando vita ad un esempio di integrazione ed inclusione che a partire dalla storia del nostro passato, attraverso un’impresa dal valore simbolico, ha molto da insegnare sul presente”.

Così il Presidente del Consiglio Regionale del Veneto Roberto Ciambetti incontrando a Venezia, a Palazzo Ferro Fini i rappresentanti del progetto “Ritorno alla Terra dei Padri”, che ha visto ripercorrere lo storico viaggio compiuto dalle famiglie di esuli nel 1948. Il viaggio, a bordo del 10 metri “Klizia”, imbarcazione appartenuta ad una famiglia di pescatori istriani, è partito da Alghero lo scorso 30 luglio e si concluderà a Rovigno il prossimo 30 settembre. 800 miglia in totale, 140 ore di navigazione, 80 giorni di eventi e manifestazioni, 26 città visitate, 4 nazioni attraversate, 10 regioni per un evento unico per organizzazione e coinvolgimento.

“Fertilia fu un meraviglioso esempio di integrazione ed inclusione, un luogo in cui piante le cui radici furono strappate alla terra natia hanno saputo far germogliare il seme di una nuova vita. Ecco perché questo progetto non è solo un viaggio ma anche un omaggio al nostro passato, che si propone di riunire i fili della storia con quelli del nostro presente, con lo scopo di gettare le basi per costruire insieme un futuro migliore per le nuove generazioni. Sono convinto che possa essere un esempio attuale ed emblematico, guardando in particolare all’oggi in cui guerre e nuovi esodi coinvolgono l’Europa e non solo”, ha concluso il Presidente Ciambetti.

Scritto da: Redazione

Rate it

0%