Notizie dal Veneto

Autonomia a sei anni dal referendum, Zaia:”È a portata di mano”

today21 Ottobre 2023 44

Sfondo
share close

“Il progetto dell’autonomia differenziata sta viaggiando a grandi passi. Non se ne parla più solamente nella società, nei giornali, nei media, nei dibattiti pubblici, ma è al centro dell’agenda politica del governo. Sono trascorsi sei anni dal momento in cui 2 milioni 273mila cittadini del Veneto si sono espressi a favore dell’autonomia e ancora oggi attendono impazientemente affinché si concretizzi l’attuazione dell’articolo 116, terzo comma, della Costituzione. Una riforma epocale che renderà tutti più forti ed è una grande opportunità per il Paese. Perché non inciderà sui conti pubblici, non aumenterà il divario fra le regioni, ma premierà la buona capacità amministrativa e farà crescere l’economia. L’autonomia è a portata di mano ed è il motore per il futuro del Paese”.

Lo dice il Presidente della Regione del Veneto, Luca Zaia, ricordando il sesto anniversario del referendum consultivo sull’Autonomia differenziata nel quale i Veneti affidarono alle urne il 98% di voti favorevoli. Referendum in cui era stato fissato il quorum del 50% ed è stato ampiamente superato.

“C’è chi ancora si ostina a chiamarla ‘spacca Italia’, o chi la ‘secessione dei ricchi’. Chi chiede l’autonomia non sta ‘battendo cassa’, ma scommette sul cambiamento e quest’ultimo non danneggerebbe né i territori meno sviluppati economicamente, né quelli più avanzati – prosegue il Governatore del Veneto -. Uno studio della Cgia di Mestre dice, infatti, che, la mala burocrazia che attanaglia la gran parte della Pubblica amministrazione provoca un danno economico ai contribuenti italiani stimato sui 184 miliardi di euro l’anno. Più del doppio rispetto alla dimensione dell’evasione tributaria presente in Italia secondo il Mef. Un dato significativo, in quanto mette in luce sprechi e inefficienze. Con l’autonomia differenziata, o federalismo fiscale, non viene intaccata l’unità nazionale, ma verrà premiata la buona amministrazione”.

“Sono trascorsi sei anni e quanto fatto nell’ultimo anno è particolarmente significativo: il Governo che si è insediato ha dato una forte accelerata approvando il disegno di legge che oggi è al centro del dibattito e del lavoro parlamentare – conclude Zaia -. Voglio, per questo, ringraziare il Ministro per gli Affari Regionali e le Autonomie, Roberto Calderoli, il presidente della commissione bicamerale per l’attuazione del federalismo, Alberto Stefani, e tutti i parlamentari ai quali è ora affidato il compito di dar seguito al lavoro prezioso impostato dal Governo. Il Veneto si aspetta che i lavori possano procedere con celerità, andando a rispettare la tabella di marcia proposta dal Ministro Calderoli, dando seguito senza clamori e con pragmatismo alla voce di tanti cittadini della Repubblica, fra i quali i 2 milioni 273 mila cittadini residenti in Veneto che nel 2017 sono andati a votare e hanno chiesto di applicare l’autonomia differenziata. Un processo di modernità, valorizzazione delle competenze e piena assunzione di responsabilità”.

Scritto da: Redazione

Rate it

0%