Notizie dal Veneto

Balneari col fiato sospeso in attesa dell’ufficialità della proroga di un altro anno per la Bolkestein

today10 Novembre 2023 104 5

Sfondo
share close

L’imminente scadenza per l’applicazione della direttiva Bolkestein (31 dicembre 2023) e l’ansia con cui gli operatori stanno vivendo l’avvicinarsi di fine anno, sono stati al centro dell’assemblea annuale di Gebis e Cisa camping che si è tenuta mercoledì sera, alla presenza degli assessori all’Ambiente Serena De Perini e all’Urbanistica Massimiliano Tiozzo Caenazzo.

«Ci stiamo avvicinando ormai alla data di scadenza delle concessioni», spiega il presidente di Gebis- Chioggia Spiagge, Gianni Boscolo Moretto, «le incognite sul tavolo sono ancora tante: da un lato abbiamo la direttiva europea che chiede all’Italia di mettere a gara anche le concessioni del demanio turistico, dall’altro una serie di cause e di sentenze che tentano di far chiarezza sull’applicazione. Tutti parlano di Bolkestein, tranne la politica che invece sarebbe ora e tempo che dicesse chiaramente cosa si devono attendere gli operatori balneari. Il tempo sta scadendo, ma dei decreti attuativi promessi dal Governo per stabilire i criteri delle gare e gli indennizzi per chi opera sulle spiagge da anni non sono arrivati». «Al momento abbiamo una sentenza del Consiglio di Stato in adunanza plenaria che dice che dal 31 dicembre le concessioni scadono e si va a gara», spiega il presidente di Cisa camping e vicepresidente nazionale del Sib (Sindacato italiano balneari), Leonardo Ranieri, «ma abbiamo anche un Ddl Concorrenza, che prevede la possibilità di slittare al 2024 nel caso di difficoltà di applicazione e che ha introdotto la possibilità di riconoscere gli indennizzi demandando ai decreti attuativi il come. Chiaro che manca una normativa che metta ordine nel grande caos che c’è in questo momento».

«Il tema è non caldo, caldissimo», spiega l’assessore De Perini, «la nostra attenzione è massima e i confronti con le sigle di categoria sono continui. Ho bussato a tutte le porte, ho chiesto aiuto anche al Consiglio comunale, in modo trasversale, e devo dire che su questo tema l’impegno c’è da parte di tutti, ma è chiaro che la risposta finale deve arrivare da Roma. Incontrando di recente il senatore Maurizio Gasparri, ho chiesto a che punto siano le procedure, seduta stante ha contattato l’onorevole Bergamini, che sedeva al tavolo tecnico che si è occupato della mappatura del bene demaniale, e ci ha spiegato che il Governo sta preparando una circolare che arriverà a tutti gli enti locali costieri per annunciare una proroga delle scadenze al 31 dicembre 2024. Il tema sarà nuovamente al centro anche della seduta della Conferenza dei sindaci del litorale veneto che si terrà lunedì prossimo perché questo è un problema su cui dobbiamo lavorare uniti. Chioggia è il Comune con più “peso” nella conferenza dato che abbiamo 151 concessioni demaniali. Faremo anche in giunta i passaggi necessari. Una cosa però è chiara: dalla mappatura è emerso che le concessioni demaniali occupano il 33% della risorsa, quindi cade uno dei presupposti cardine della Bolkestein, quello di andare a gare pubbliche per la “scarsità” del bene. La speranza è che in questo anno ulteriore di proroga si possa lavorare in Europa per far passare questo concetto».

Scritto da: Redazione

Rate it

0%