Dalla città metropolitana

Mestre: Nel solo 2023 252 sanzioni elevate ai pubblici esercizi, 60 colpiti da provvedimenti di sospensione provvisoria dell’attività

today16 Dicembre 2023 27 5

Sfondo
share close

Nell’anno in corso sono state intensificate le attività di controllo dei pubblici esercizi insistenti in Terraferma, con una capillare azione di contestazione di violazioni, a partire dall’occupazione illecita di suolo pubblico sia da parte di pubblici esercizi che di attività commerciali con particolare attenzione alla movida cittadina, continuando poi con la verifica dei titoli autorizzativi.

Complessivamente sono state contestate 252 sanzioni che hanno interessato 82 tra bar e ristoranti e sono stati comminati 63 provvedimenti di sospensione provvisoria delle attività.

Il Corpo di Polizia locale ha successivamente vigilato sulle sanzioni accessorie di sospensione temporanea dei pubblici esercizi, irrogate dalla Direzione Commercio del Comune in conseguenza dell’attività repressiva posta in essere verificando puntualmente che venisse rispettata la chiusura. Questi i risultati: nelle zone centrali di Mestre sono stati elevati 167 verbali di contestazione di cui 119 sanzionatori e 48 di diffida amministrativa, mentre nelle zone periferiche i verbali sono stati 95 di cui 40 sanzionatori e 45 verbali di diffida.

I motivi per cui le violazioni sono state comminate hanno riguardato occupazioni di suolo pubblico irregolari, per l’uso di amplificatori esterni, per il protrarsi nei bar di musica oltre l’orario consentito (45 contestazioni), per la mancanza della certificazione d’impatto acustico, per irregolarità relative alla pubblicità, per la mancata esposizione di Scia, cartelli dei prezzi e delle indicazioni degli orari, dell’indicazione del divieto di vendita di alcool ai minori, per spettacoli non autorizzati ai sensi del Testo Unico delle leggi di pubblica sicurezza.

Anche l’uso improprio di plateatici, abusivi o eccedenti le misure autorizzate da parte dei pubblici esercizi è stato oggetto dell’attività repressiva, con l’irrogazione di 51 sanzioni.

“Il lavoro svolto è frutto della grande collaborazione con la Polizia municipale e tra l’assessorato al Commercio e alla Sicurezza con l’assessore Elisabetta Pesce – ha commenta l’assessore al Commercio Sebastiano Costalonga – .Gli interventi sono stati puntuali e mirati soprattutto nei confronti di quelle attività che non rispettano le regole e, con i loro comportamenti scorretti, creano una serie di disagi”.

“Un lavoro significativo è stato portato avanti dai nostri Agenti, sotto la guida attenta del Comando, concentrato sul controllo e sulla prevenzione per garantire il rispetto delle regole e la tranquillità dei residenti – ha evidenziato l’assessore Pesce -.Un’attenzione particolare è stata dedicata alla gestione della movida cittadina. La collaborazione sinergica tra la Polizia locale, l’assessorato al Commercio e i suoi uffici direttivi ha prodotto risultati concreti. Esprimo gratitudine a tutti per l’impegno e l’encomiabile lavoro svolto”.

Scritto da: Redazione

Rate it

0%