Dalla città metropolitana

Brugnaro alla conferenza di fine anno:”Lungo elenco di cose fatte nel 2023, Venezia deve continuare a crescere”

today30 Dicembre 2023 37 3

Sfondo
share close

Il ricordo delle 21 vittime dell’incidente stradale a Mestre, lo scorso 3 ottobre, poi il pensiero rivolto alle due giovani donne vittime di femminicidio: Giulia Cecchettin e Vanessa Ballan, nel giorno del lutto regionale per i funerali della ragazza a Castelfranco. Senza dimenticare la guerra in Ucraina, con la solidarietà agli amici di Odessa, visitata dal primo cittadino a metà aprile in occasione della Pasqua Ortodossa, che nella notte hanno subito bombardamenti vicinissimi alle loro abitazioni.  Così il sindaco di Venezia Luigi Brugnaro durante la tradizionale conferenza stampa di fine anno che si è tenuta nella mattinata di oggi. L’appuntamento, in diretta streaming dalla sala del Consiglio comunale del Municipio di Mestre, ha visto l’intervento dei consiglieri delegati del sindaco, degli assessori comunali e della presidente del Consiglio comunale, Ermelinda Damiano.

“Tragedie che rappresentano le ‘ombre’ di un anno che è stato caratterizzato da tante luci” ha confermato il primo cittadino introducendo il punto stampa. “Al partito della paura e del rancore oggi rispondiamo con quello che è stato fatto nel corso del 2023. Ringrazio tutti i consiglieri e gli assessori per gli obiettivi raggiunti, non è da tutti poter dire quello che è stato fatto e non quello che si vorrebbe fare” ha detto il sindaco rimarcando i risultati raggiunti in tema di efficientamento del bilancio, gestione del territorio e sul fronte della sicurezza.

Ermelinda Damiano – presidente del Consiglio comunale
Un bilancio di fine anno molto positivo: i lavori di Consiglio e Commissioni sono proseguiti con puntualità e regolarità per tutto l’anno anche grazie all’entrata in vigore, da gennaio 2023, del nuovo Regolamento per l’eventuale partecipazione in videoconferenza alle sedute. Questo regolamento si è dimostrato uno strumento innovativo ed efficace per poter espletare al meglio il proprio mandato di consigliere, confermandosi una scelta lungimirante e utile a tutti.
Quest’anno sono state 22 le sedute di Consiglio comunale, 71 le delibere approvate e 295 le commissioni consiliari svolte. Passando alle iniziative promosse dalla presidenza del consiglio, possiamo parlare dell’anno delle edizioni da record! Grazie ad un grande e importante lavoro di squadra e a una rete sempre fitta di collaborazioni con il mondo dell’associazionismo, con la nostra azienda sanitaria Ulss3 e con le municipalità, si è rinnovato con ancora più forza l’impegno per le iniziative culturali e per le campagne di sensibilizzazione per la prevenzione della salute e di contrasto alla violenza di genere. Numerose le attività istituzionali per il Giorno della Memoria 2023 con oltre 70 appuntamenti diffusi sul territorio e il coinvolgimento di oltre 80 soggetti coinvolti tra enti, associazioni, università e istituti scolastici, così per il Giorno del Ricordo con gli oltre 40 appuntamenti cittadini e per la Giornata del Ricordo del Genocidio Armeno, che per il secondo anno consecutivo ha visto un ricco programma di iniziative. Tra le altre iniziative culturali supportate, meritano menzione per il successo e la nutrita partecipazione cittadina: il primo Festival dei Graffiti Storici a Venezia di Alberto Toso Fei e Desi Marangon, che sarà riproposto anche per il 2024, il Centenario De Grandis Marabini con l’Archivio De Grandis Marabini, l’Accademia delle Belle Arti e Confartigianato Imprese Venezia e infine il “Premio Elena Cornaro” di Silvia Casarin Rizzolo volto a celebrare la prima donna laureata della storia e a promuovere la parità di genere e che già prevede una seconda edizione per il 2024. Passando agli appuntamenti ormai consolidati e che crescono di anno in anno: molti gli appuntamenti del Marzo Donna 2023 con 103 eventi in programma che hanno toccato tantissimi temi tra cui un focus sempre attento e puntuale sulla violenza di genere. Grande successo anche per l’Ottobre Rosa 2023 con gli oltre 100 eventi sul territorio, dalla terraferma, al centro storico e le isole. Una massiccia campagna di sensibilizzazione contro il tumore al seno che per la prima volta ha visto l’adesione anche di 15 comuni della città metropolitana confermando Venezia un modello virtuoso a livello regionale e nazionale, riconosciuto dall’azienda sanitaria locale e non solo. I dati ci dicono che a Venezia c’è il tasso di adesione agli screening più alto d’Italia. L’obiettivo per il 2024 è allargare questo progetto coinvolgendo anche i Comuni metropolitani del distretto Ulss4. Non solo salute della donna ma anche un nuovo percorso istituzionale per la promozione della salute dell’uomo con la campagna di sensibilizzazione Movember, che ci auguriamo possa crescere al pari dell’Ottobre Rosa. Grande l’impegno anche quest’anno per la lotta alla violenza sulle donne e si sono riconfermate numerose le iniziative del Novembre Donna con una settantina di eventi promossi con il prezioso supporto del nostro Centro antiviolenza. La novità di quest’anno ha riguardato gli incontri/laboratori di vicinato con lo scopo di dare alla cittadinanza tutte le informazioni utili a dare supporto concreto alle donne vittime di violenza e di creare comunità solidali nei propri contesti abitativi. Un altro filone di sensibilizzazione ha riguardato i disturbi del comportamento alimentare attraverso iniziative volte non solo a far conoscere questa malattia, una vera piaga tra giovani e giovanissimi, ma soprattutto sul come affrontarla e a quali servizi del territorio fare riferimento per il trattamento e la guarigione. Come Amministrazione, insieme all’Ulss3 e all’associazione Fiocchetto Lilla, abbiamo promosso, tra gli altri, un ciclo incontri aperti alla cittadinanza, in tutte le Municipalità, dal titolo “Guarire si può” e per il 2024 nuove progettualità riguarderanno queste tematiche, coinvolgendo sempre di più le scuole e i giovani del territorio. Numerose campagne di sensibilizzazione hanno riguardato anche le malattie croniche, spesso invisibili ma altrettanto invalidanti come la fibromialgia, il crohn e l’endometriosi. È continuato anche l’impegno a tutela delle tradizioni attraverso i percorsi già avviati e consolidati per la salvaguardia e la valorizzazione dell’arte delle perle di vetro (già patrimonio Unesco) e l’arte del merletto ad ago e a tombolo.

Paolino D’Anna – consigliere con delega ai Rapporti con i cittadini   
“Il servizio per il quale sono stato delegato dal sindaco comporta uno stretto contatto con i cittadini. Nel corso dell’anno ho raccolto le istanze di 35 persone con situazioni familiari difficili. Un’azione con ambiti di intervento differenti ed estremamente delicati e sensibili: 90 adulti con problemi di ordine economico, soprattutto cittadini in difficoltà con pagamenti delle varie bollette di luce e gas e/o dei canoni di locazione; 26 attività commerciali e/o ristorative in difficoltà; 71 nuclei familiari per questioni abitative. Con le relative implicazioni in diversi ambiti: economico, sociale e morale/psicologico. Sfratti, sloggi, disagio abitativo e/o richieste di trasferimento alloggio, spese di condominio; richieste di carattere burocratico, inerenti alloggi di residenzialità pubblica. 150 sono state le persone che mi hanno contattato anche attraverso i canali telematici, per questioni legate alla mancanza di una occupazione lavorativa; 41 hanno richiesto sostegno per problematiche in tema di urbanistica,  63 persone hanno posto quesiti riguardo a vari Servizi Comunali, presentando difficoltà e chiedendo indicazioni. Infine 15 persone mi hanno contattato in merito a problematiche riferite al trasporto pubblico locale”.

Enrico Gavagnin – consigliere con delega alla Sicurezza urbana partecipata
“Nel  corso del 2023 la mia attività si è sviluppata su 3 direttrici: il Controllo di Vicinato, con 10 incontri di cui 4 sul territorio comunale con i gruppi CdV ed il consueto (ormai dal 2018) Convegno Nazionale nel mese di novembre dell’Associazione Nazionale CdV a Venezia, dove le diverse realtà italiane si sono confrontate; il rapporto con le Associazioni delle Forze dell’Ordine (Polizia di Stato, Carabinieri, Guardia di Finanza, Polizia Penitenziaria), con l’istituzione del “Riconoscimento alla carriera”, che ha permesso di riavvicinare gli operatori delle Forze dell’Ordine andati in quiescenza sull’intero territorio metropolitano. Il riconoscimento ha avuto il patrocinio del Senato, del Consiglio Regionale Veneto e della Città Metropolitana. Sono state organizzate tre manifestazioni (a maggio e ottobre) che hanno visto la consegna di circa 300 attestazioni ad altrettanti operatori. Infine i convegni tematici su cyber security ed i pericoli del web, psicologia e sicurezza percepita, l’identificazione del criminale – identikit e disegno anatomico forense, codice rosso e violenza di genere”.

Giovanni Giusto – consigliere con delega alla Tutela delle tradizioni
“Anche quest’anno abbiamo garantito la continuità della voga agonistica e delle tradizioni che accompagnano la città sin dalla sua nascita. Nella Storica ricordiamo l’importanza delle regate dei bambini e dei ragazzi, introdotte 18 anni fa, che hanno permesso di veder gareggiare quelli che sono i campioni del remo. In Canal Grande abbiamo così la dimostrazione dell’attaccamento, attraverso le tradizioni, alla nostra storia e i regatanti – uomini e donne, giovanissimi compresi – sono in prima linea su questo. Alla Regata di Burano abbiamo anche reintrodotto la categoria delle “giovanissime”, sperimentata per la prima volta nel 2019. Siamo noi gli attori e testimoni di questa continuità. Con gli atleti più piccoli in particolare, Venezia dimostra la continuità di una tradizione e di uno sport che possiamo affermare sia nato con la città stessa. Questo sta a dimostrare che la voga alla veneta è in piena salute e che da anni questo sport garantisce una nuova generazione di atleti che ha tutte le carte in regola per proiettarci verso i futuri campioni di domani. Grazie al lavoro delle maestranze, quest’anno abbiamo completato il restauro della bissona “Floreale”, varata più di 60 anni fa. Un intervento di restauro che si inserisce all’interno di uno più grande, che portiamo avanti dal 2015 e che quasi ogni anno vede protagonista una delle bissone della Storica, ma anche numerose altre imbarcazioni”.

Aldo Reato – consigliere con delega “Valorizzazione della gondola nel sistema di mobilità della Città Antica”
“In questo 2023 abbiamo posto le basi per un progetto di sensibilizzazione volto al  rispetto della navigazione interna, progetto che prenderà il via primavera 2024 e che ci vedrà entrare in una serie di scuole medie e superiori. Inoltre abbiamo avviato i Traghetti da parada che attraversano il Canal Grande. Questa è  un’iniziativa che si integra al servizio di linea. Infine le manutenzioni dei pontili, dal prossimo anno, saranno a carico dell’associazione di categoria dei gondolieri”.

Paolo Romor – consigliere con delega all’Avvocatura civica
“Voglio sottolineare come si stia evolvendo il ruolo e il compito dell’avvocatura civica. Non più solo ‘difendere l’ente’, ovvero semplicemente (anche se non è semplice) ‘vincere le cause’, ma, a fronte del sistematico ricorso allo strumento dell’impugnazione giudiziaria da parte di soggetti scarsamente o per nulla rappresentativi (che tentano di ostacolare l’attività dell’ente attraverso la sistematica “caccia al cavillo” o al “timbro che manca”) l’attività degli avvocati del Comune assurge a vera e propria difesa della linea politica voluta dalla maggioranza dei cittadini.  Si tratta quindi, a ben guardare il senso delle cose, anche di una difesa della democrazia e dei suoi meccanismi virtuosi. E questo vale tanto preventivamente, durante la fase di formazione degli atti amministrativi, di cui è stata sistematicamente migliorata la qualità giuridica grazie all’inserimento di avvocati nell’organico delle varie direzioni, come voluto dal sindaco nel corso dei suoi mandati, quanto nell’eventuale fase giudiziaria in tutti i casi di ricorso. Un ringraziamento, quindi, agli avvocati del Comune di Venezia per il loro indispensabile lavoro quotidiano.

Alessandro Scarpa Marta – consigliere con delega ai Rapporti con le isole e ai rapporti con il mondo della pesca    
“In questo anno sono stati fatti importanti investimenti da questa Amministrazione comunale in merito alla messa in sicurezza idraulica delle rive, indispensabile per una città come Venezia e le sue isole. Nello specifico sono stati fatti importanti lavori ai muretti di contenimento sia in centro storico come per esempio ai giardini di Venezia, alla Giudecca, alle rive di San Marco giardinetti, e nei canali interni di Venezia e nelle isole della laguna. A Pellestrina adesso c’è un sistema di pompe idrauliche e le rispettive centraline elettriche che funzionano regolarmente e tengono l’isola all’asciutto. Va ricordato inoltre che sono in programma dei lavori importanti di bonifica e ripascimento della diga soffolta, che è situata sul mare a 500 metri dall’isola di Pellestrina, che va a proteggere l’isola dalle mareggiate, questi sono lavori che verranno svolte dal provveditorato alle opere pubbliche per un totale di 5 milioni di euro. Ma penso sia giusto evidenziare anche gli investimenti in merito alle ristrutturazioni degli istituti scolastici a beneficio degli alunni e della loro sicurezza. Importanti lavori sono stati eseguiti  in tutte le isole della laguna, lavori che da molti anni non venivano fatti ma erano necessari, tutto questo va a migliorare la sicurezza degli alunni nelle scuole e migliorare la qualità della vita delle famiglie. Importanti anche le ristrutturazioni e manutenzioni di molti campi sportivi in Città e nelle isole, e altri lavori di recupero dei centri ricreativi come ad esempio l’ex Cinema Perla di Pellestrina. Sempre a Pellestrina va ricordato il progetto importante della piazzola dell’elisuperficie in caso di emergenza costruita dal’Ulss su un terreno di proprietà del Comune . Altri lavori utili sono stati i restauri dei cimiteri e sempre a Pellestrina il nuovo progetto del pontile del vaporetto che serve a dare ordine agli imbarchi e per agevolare i residenti con il servizio della Priority”.

Giorgia Pea – consigliera con delega “Città di Venezia, cultura: attività teatrali e cinema”
“Il 2023 è stato l’anno del rilancio per i teatri e i cinema, fortemente penalizzati dal periodo pandemico e dalle limitazioni conseguenti vincendo la pigrizia e partecipando con entusiasmo e curiosità agli spettacoli, sempre più inclusivi e condivisi, abbattendo sempre di più quel falso mito che voleva la cultura riservata ad un élite di pochi abitudinari e troppi esclusi. Abbiamo potuto così celebrare con l’orchestra della Fenice i 110 anni del Teatro Toniolo, che è tornato ad essere riferimento per tutto il Nordest. Da gennaio proseguiranno anche gli incontri pomeridiani con i protagonisti della Stagione Prosa con Giancarlo Marinelli, Alessio Boni, Silvio Orlando ed Elio. Un successo anche il progetto Cinemascuola, con una ricca proposta di proiezioni mattutine dedicata agli studenti: quasi 100 proiezioni per un totale di 9.000 spettatori. Positivi anche i riscontri dal Teatro al Parco, inserito all’interno del percorso di riqualificazione dell’Area Albanese-Bissuola e dalle altre sale teatrali e cinematografiche cittadine. Proseguono anche gli investimenti dell’Amministrazione comunale per arricchire l’offerta  culturale, in modo diffuso su tutto il territorio con un’attenzione particolare rivolta ai più piccoli, alle loro famiglie e alle giovani generazioni, alle donne, e agli anziani perché nessuno si senta solo o dimenticato. Contenitori sempre più comodi ed efficienti, dove l’innovazione affianca la tradizione”.

Stefano Zecchi – consigliere con delega “Città di Venezia, cultura: progetto futuro”
“Venezia non doveva aspettare me per esprimere la propria cultura. Il mio ruolo è quello di cogliere le energie migliori che possano sviluppare importanti iniziative culturali nella città. Fondamentale è mantenere in una stretta relazione le attività in terraferma e nella città lagunare, cogliendo le differenti necessità e facendole interagire. A questo proposito, sono in essere interessanti eventi legati ai libri, alle arti visive e mi piacerebbe riprendere argomenti di stretta attualità sociale, come quelli sulla qualità dell’abitare, sulla comunicazione e sul concetto di famiglia. Soprattutto, l’impegno sarà per il progetto futuro: affermare i principi della sostenibilità ambientale e umana muovendo dalla riflessione su una città particolare come è Venezia”.

Laura Besio – assessore ai Servizi al cittadino, alle Politiche educative e al Personale 
“Per quanto riguarda la delega ai servizi al cittadino abbiamo ampliato l’offerta dei servizi online sia all’anagrafe che allo stato civile, anche integrando con traduzioni in lingua inglese per facilitare accesso ai numerosi stranieri interessati soprattutto al matrimonio a Venezia. Abbiamo inoltre avviato l’ampliamento delle sedi dove celebrare matrimoni e unioni civili con un bando aperto al territorio. Per quanto riguarda i servizi educativi abbiamo approvato il nuovo regolamento dei trasporti scolastici che disciplina e riordina il settore. Abbiamo introdotto nelle scuole nuovi itinerari educativi attenti al mondo del sociosanitario, del volontariato e della sostenibilità, ma anche iniziative pratiche come l’educazione alla guida consapevole del monopattino o gli open day aperti alle famiglie proprio nei centri cottura da cui proviene il pasto della mensa scolastica. Proseguono nelle infanzie comunali i progetti 1Asilo in laguna’ con Unesco e di avvicinamento all’inglese con Ca’ Foscari. Prosegue alle primarie l’iniziativa di recupero eccedenze alimentari ‘La mensa che non spreca’. Abbiamo ottenuto l’accorpamento su Favaro degli istituti ‘Gramsci’ e ‘Ilaria Alpi’, come richiesto a più riprese dal territorio, intervenendo sul dimensionamento dell’ufficio scolastico che originariamente prevedeva altre scelte, meno organiche territorialmente. Una buona notizia che si aggiunge alle partenze non scontate della primaria Mameli, della prima primaria montessoriana alla Giudecca e della prima media ‘Dante Alighieri’. Abbiamo confermato il nostro impegno per garantire la primaria Vivarini a Sant’Erasmo. Nella macrostruttura abbiamo previsto per i servizi educativi la figura di un direttore di direzione. Per quanto riguarda la delega alle risorse umane nel 2023 sono state svolte 15 procedure concorsuali, impegno su più fronti progettuali finanziati dal pnrr, terza tranche di ‘progressioni economiche orizzontali’, attivati oltre un centinaio di tirocini e oltre un centinaio di PCTO, confermato impegno con Tribunale di Venezia per misure di messa alla prova e alternative alla pena, avviati una settantina di progetti di servizio civile”.

Renato Boraso – assessore alla Mobilità, alle Infrastrutture stradali, alla Viabilità, Piano del traffico, Rapporti con le Municipalità e Rapporti con il mondo dell’agricoltura
“Anche quest’anno l’Amministrazione ha continuato nel progetto di rafforzamento della ciclabilità con l’obiettivo di offrire ai cittadini una mobilità ‘dolce’ e sempre più sicura e di consegnare a chi percorre le nostre strade nuovi spazi e nuovi collegamenti da sfruttare. Ma numerosi sono stati anche gli interventi per la messa in sicurezza dei percorsi pedonali, dell’individuazione di 19 nuovi siti per il posizionamento di 68 centraline per la ricarica di auto elettriche a sostegno della mobilità Green. Sono state anche realizzate due nuove rotatorie in via Torino. Per quanto riguarda i giovani abbiamo avviato il progetto ‘Marinando la scuola’ per formare gli studenti alla navigazione sicura e alla cultura del mare. Sono stati inoltre presentati i primi 4 nuovi autobus ad Idrogeno. Abbiamo avviato il progetto di rifacimento degli approdi del servizio pubblico del Tronchetto. Continuerà l’impegno nell’ambito della viabilità per la realizzazione di nuove piste ciclabili nonché per la manutenzione dei 1150 chilometri di rete stradale”.

Sebastiano Costalonga – assessore al Commercio e alle Attività produttive  
“Sono molto soddisfatto dei traguardi raggiunti in questo 2023. Molteplici i campi d’azione dell’attività svolta nel corso dell’anno. Per quanto riguarda i plateatici è stato fatto il censimento di quelli concessi, la pianificazione dei pianini, il blocco di ampliamenti e nuove concessioni per il 2023, oltre alla proposta di modifica delle licenze per Murano e Burano. Sul fronte dei mercato si è provveduto alla riqualificazione dell’area mercatale rio Terrà Sabbioni, la pubblicazione dei bandi per l’assegnazione dei posteggi liberi mercatali giornalieri e settimanali e poi il nuovo regolamento del commercio sulle aree pubbliche per contrastare fenomeni di degrado e responsabilizzare gli operatori titolari di concessioni su suolo pubblico. Altro campo di intervento è stata la lotta al disturbo della quiete pubblica, a tal proposito ricordo l’ordinanza anti movida. E ancora la lotta al degrado volta a favorire la la riappropriazione della città da parte dei cittadini: in particolare mi preme ricordare il progetto della Fiera di via Piave. Tra le altre attività ricordo il progetto di riconoscimento del marchio del merletto di Burano e del vetro di Murano. Un lavoro intenso in sinergia con uffici, associazioni di categoria, cittadini. C’è ancora molto da fare e noi ce la metteremo tutta per migliorare la vivibilità,  i servizi offerti ai cittadini, assicurando gli investimenti delle imprese nel rispetto delle regole e contrastando il fenomeno della concorrenza sleale. Inoltre, continueremo il lavoro di tutela del patrimonio e delle tradizioni della nostra inestimabile città”.

Massimiliano De Martin – assessore all’Urbanistica, Edilizia Privata e Ambiente  
“Il nostro è un territorio che rimane attrattivo e lo dimostra il dato relativo ad un + 15% di oneri preventivati.  Ricordo che per il settore Ambiente sono state messe a dimora nel 2023 oltre 12.000 nuove piante, creando, tra gli altri, il bosco di Asseggiano, ampliando il bosco dell’Osellino, creando il nuovo parco di via Oriago (che sarà inaugurato nei primi mesi del 2024), sistemando alcuni ambiti del parco Bissuola e San Giuliano. Sono state inoltre riqualificate 16 aree giochi nei parchi cittadini e abbiamo inaugurato il nuovo canile intitolato a Silvana Tosi. Il totale delle delibere concernenti le mie deleghe, sono state 52 (19 di Giunta e 33 di Consiglio). Ci sono le delibere riguardanti le attività produttive ovvero le procedure di ammissione a sportello unico e questo dimostra come  anche in momenti di crisi le aziende stiano investendo nelle sedi cittadine. Tra queste  la vetreria Venier a Murano,  cultural fashion center a Venezia- ditta Duca D’ Aosta, l’ ampliamento della ditta General Sistem a porto Marghera, all’ ampliamento della vetreria Estevan Rossetto a Murano,  il progetto di ristrutturazione dell’hotel Les Aireless alla Giudecca. E poi l’ adozione della delibera riguardante il parco tecnologico per lo sviluppo della digitalizzazione e della ricerca in ambito medico e nuovo presidio socio sanitario per le aree dell’ex ospedale al Mare al Lido. Poi ci sono le delibere riguardanti investimenti nel campo nell’arte. Mi riferisco al  restauro e adeguamento funzionale a sede espositiva, ateliers e foresteria per artisti a Palazzo Diedo Santa Fosca, a Venezia, il recupero dell’isola di San Giacomo in Paludo, il restauro e adeguamento funzionale e allestimento del museo di Arte Orientale nella chiesa di San Gregorio. Poi ci sono le  delibere riguardanti gli  sviluppi residenziali e quelle per la riqualificazione urbana come  la realizzazione di una piazzetta con skate park a Marghera, l’adeguamento funzionale e la messa a norma degli immobili di via Cafasso a Marghera destinati alle strutture operative della Polizia Locale, la riqualificazione urbana di piazza mercato di Marghera”.

Paola Mar – assessore alla Promozione del Territorio, Università, Patrimonio e Toponomastica 
“E’ stato un anno importante su vari fronti. Sono particolarmente orgogliosa dell’affidamento, per nove anni, alla fondazione Musei Civici del Centro Culturale Candiani per collocarvi una collezione permanente e sale espositive per mostre temporanee; dell’ex centro civico di via Poerio a Mestre per trasformarlo in un grande contenitore produttivo e ancora l’ex centrale del Latte che avrà una funzione multidisciplinare di promozione culturale. Per quanto riguarda le Città in Festa nel 2023 sono state organizzate circa 2500 le iniziative, di cui 350 dedicate ai bambini. Ma il 2023 ha visto nascere anche nuove eventi come Mestre Book fest, Mestreland e Admirabile Signum, la fedele riproduzione in scala – unica in Italia – della Natività allestita in Città del Vaticano che è stata esposta alla biblioteca Vez e attualmente visitabile fino al primo gennaio alla Basilica della Salute”.

Elisabetta Pesce – assessore alla Sicurezza
“Il 2023 è stato un anno di notevole impegno che ha prodotto risultati tangibili, sia sul piano interforze che per quanto riguarda la sicurezza urbana. In particolare, la Polizia Locale ha condotto numerosi interventi mirati al contrasto dello spaccio e al consumo di sostanze stupefacenti. Durante tali operazioni, sono stati colti in flagranza di reato ben 130 spacciatori, di cui 43 tratti in arresto. Sono stati impartiti 450 ordini di allontanamento e effettuati 420 sequestri, per un totale di oltre 10 kg di sostanze stupefacenti. Inoltre, prosegue in maniera costante l’attività di monitoraggio e sgombero delle aree occupate del programma Oculus, con ben 75 interventi di bonifica effettuati nell’arco dell’anno e 40 persone denunciate. Nuovi occhi elettronici sono stati implementati in tutto il territorio, portando il totale delle telecamere di videosorveglianza collegate al COTV a 692, oltre alle 22 rientranti nel protocollo di intesa con il distretto M9. Nel corso del 2023, sono state intensificate anche le attività della Polizia Commerciale per il controllo dell’occupazione del suolo pubblico e il contrasto al disturbo della quiete pubblica, con un totale di 1.345 sanzioni e 163 provvedimenti di chiusura. L’anno 2023 ha visto anche il potenziamento dei mezzi terrestri e natanti tutti full elettrici o ibridi, segnando un importante passo verso la sostenibilità e l’efficienza ambientale nel parco mezzi. Desidero esprimere il mio sincero ringraziamento al comando della Polizia Locale e a tutto il Corpo, che, grazie al recente concorso, ha arricchito le sue fila con 70 nuovi agenti giovani e motivati. Un corpo di Polizia professionalmente preparato grazie all’elevata qualità della formazione fornita”.

Simone Venturini –  assessore alla Coesione sociale, Politiche della residenza, sviluppo economico, Lavoro e Turismo
“Un anno di impegno su più fronti dal punto di vista sociale per garantire aiuto e supporto a tutte le fasce di popolazione, dai bambini agli anziani – ha dichiarato l’assessore alla Coesione sociale e al Turismo Simone Venturini – Un anno in cui abbiamo seguito passo passo i lavori di raddoppio della Biblioteca VEZ, che sono prossimi alla conclusione, un anno in cui abbiamo riallestito la Biblioteca di Carpenedo Bissuola, offrendo agli adolescenti un nuovo spazio di aggregazione al pari del progetto di costruzione del palasport da mille posti che abbiamo approvato di recente in Giunta che sorgerà al posto del campo sinti. Un anno in cui siamo stati in prima linea, attraverso il potenziamento del progetto Stop and Go e del Piano Freddo, per fornire sostegno e percorsi di reinserimento sociale a chi vive ai margini. Un anno in cui il fenomeno dei femminicidi, purtroppo, è stato troppo spesso al centro dell’attenzione della cronaca. Per questo l’apertura di una nuova casa rifugio, a indirizzo segreto, per donne vittime di violenza e per i loro figli è fonte di grande orgoglio. Nei prossimi mesi ne apriremo un’altra nella consapevolezza che il contrasto alla violenza di genere ci deve vedere tutti coinvolti. Questo è stato anche l’anno del grande “Piano Casa” da 28 milioni di euro, per la prima volta di durata triennale, che si pone l’obiettivo ambizioso di ristrutturare e assegnare ai nuovi inquilini, tra bandi social housing ed Erp, tutti gli alloggi pubblici finora chiusi, che tra laguna e terraferma sono oltre 500. Una notizia importante per le giovani coppie e le famiglie in difficoltà che desiderano continuare a vivere nella nostra città. Nel 2023 si è inoltre alzato il volume della musica a San Giuliano grazie al grande concerto dei Pinguini Tattici Nucleari, evento clou della ‘settimana della musica’ che quest’estate ha visto tra i protagonisti, in Piazza San Marco, anche Laura Pausini, Paolo Conte e il coro e l’orchestra del Teatro La Fenice. Grandi eventi che hanno preparato il terreno per ulteriori importanti appuntamenti in via di definizione per il 2024. Tra quelli già definiti, dal 3 al 6 ottobre, all’Arsenale, la seconda edizione del Salone dell’Alto Artigianato Italiano che al suo esordio si è rivelato un grande successo dimostrando quanto il nostro Made in Italy, e in particolare il “Made in Venezia”, siano simbolo di eccellenza nel mondo intero. In generale il nostro impegno nell’ospitare eventi di alto livello, puntando più sulla qualità che sulla quantità, ha avuto ricadute positive su tutto il settore turistico garantendo un indotto positivo anche sul fronte lavorativo. Intendiamo continuare su questa strada, e l’introduzione dal prossimo anno del Contributo d’Accesso, che ha visto la conclusione del suo iter amministrativo proprio in queste settimane, ne è la dimostrazione. Il prossimo anno Venezia sarà apripista a livello internazionale introducendo uno strumento innovativo di gestione dei flussi turistici per disincentivare il turismo giornaliero determinando così un nuovo equilibrio tra chi a Venezia ci vive, ci lavora o ci studia e tra chi desidera visitarla tornando a casa con un’esperienza da ricordare. Sarà un percorso lungo che affronteremo con umiltà e con concretezza, l’approccio che del resto ha sempre contraddistinto questa Amministrazione”.

Francesca Zaccariotto – assessore ai Lavori pubblici e decoro urbano
“Tanti sono i lavori pubblici in Comune di Venezia, per una cifra complessiva che sfiora il miliardo di euro, comprendendo anche le piccole manutenzioni diffuse, spesso fondamentali per il singolo cittadino. Tra le opere più grandi, ricordo i lavori per il completamento della ‘Cittadella della Giustizia’ che proseguono secondo le tempistiche stabilite: il secondo lotto è in fase di conclusione e gli interventi previsti per il terzo lotto sono ben avviati, nel pieno rispetto del luogo e degli edifici interessati, che hanno un grande valore per la storia ottocentesca e industriale di Venezia; la riqualificazione di Palazzo Ducale, che questa Amministrazione ha messo in atto impegnando 2,8 milioni di euro di risorse economiche e 18.000 ore di lavoro, con un risultato straordinario che ci ha permesso di restituire alla città un edificio che è stato interessato da interventi di restauro e di consolidamento di grande qualità. Stanno proseguendo a pieno ritmo anche i lavori di costruzione dei nuovi asili nido Coccinella e Pinocchio a Mestre, che accoglieranno i nostri bambini, temporaneamente ospitati nell’ex primaria Baracca in via Porto di Cavergnago”.

Michele Zuin – assessore al Bilancio, Società partecipate, Tributi ed Economato 
“La solidità del Bilancio comunale si conferma nel 2023 con l’approvazione del rendiconto ’22, con un avanzo libero di 54 milioni di euro e una liquidità libera di 191 milioni di euro, consentendoci di pagare i nostri fornitori mediamente con un anticipo di 18 giorni sulla scadenza delle fatture. E’ stato approvato anche il bilancio del Gruppo Città di Venezia con un risultato di esercizio di 48 milioni di euro, importante da ricordare l’approvazione del nuovo affidamento in house ad Avm Spa per 9 anni sul trasporto pubblico locale a partire dal 1° aprile 2023, oltre all’approvazione del piano di acquisto di autobus Avm con fondi del PNRR, per un complessivo di 8,4 milioni di euro, traguardo che ci pone all’avanguardia sul tema della sostenibilità. Nello specifico con questi fondi andremo ad acquistare circa 134 nuovi autobus, di cui 90 a idrogeno e 44 elettrici. Per finire, dopo il risanamento della Società Casino di Venezia, messo in atto questi anni dall’Amministrazione, chiudiamo il 2023 con un record di incassi di circa 114 milioni di euro netti rispetto ai 105 milioni del 2022”.

Andrea Tomaello – vicesindaco e assessore alla Protezione civile, allo Sport, al Porto, alle Politiche giovanili e Progetti comunitari    
“Il grande risultato del 2023 è la classifica del Sole 24Ore che inserisce Venezia come prima città in Italia per investimenti nelle infrastrutture sportive. Nel 2023 abbiamo inaugurato il Polo di San Giuliano, la piscina di Marghera, il nuovo centro sportivo del Venezia calcio, e riqualificato da un punto di vista energetico una quindicina di impianti sportivi, oltre alle nuove aree fitness. Qualche giorno fa invece abbiamo approvato i progetti definitivi per parte del bosco dello sport e del palazzetto all’ex campo sinti. Nel 2024 inizieranno i lavori e puntiamo nei prossimi due anni a dare a questa città le strutture sportive che si merita. Altro passo in avanti anche per quanto riguarda le attività del Porto, con approvazione nel 2023 della Zona Logistica Semplificata e protocollo fanghi, manca ancora qualche decreto attuativo ma speriamo il 2024 sia l’anno buono”.

Sul lavoro di squadra della Giunta comunale e l’efficacia dei progetti realizzati ha posto l’accento nell’intervento finale il sindaco Luigi Brugnaro: “Bisogna saper fare pensando al bene della città e della cosa pubblica e questa Amministrazione lo sta dimostrando con i fatti, continueremo a confrontarci con tutti su idee concrete e alternative. Abbiamo una visione positiva della città, che dovrà crescere anche grazie alla sinergia tra pubblico e privato sul principio della sussidiarietà”. Tra i punti toccati quello della sostenibilità: “Presto partirà la gara per la costruzione di un impianto a idrogeno nell’area Eni a Porto Marghera” ha annunciato ricordando gli investimenti fatti anche sul fronte del trasporto pubblico urbano con l’acquisto di 90 nuovi pullman a idrogeno “in continuità con quanto accade al Lido di Veneza dove il Tpl è garantito solo da mezzi elettrici”. Una visione che mira “al risanamento ambientale del territorio che passa per la costituzione del progetto Venezia Capitale Mondiale della Sostenibilità” ha aggiunto il primo cittadino ricordando la recente edizione della Biennale della Sostenibilità. Tema che è strettamente collegato alla viabilità acquea: “Gli Stati Generali sul moto ondoso, dello scorso mese di novembre, per la prima volta ha riunito tutti gli attori coinvolti, ora attendiamo il via libera del Governo per l’omologazione del sistema SiSA (Sistema Sanzionatorio), ovvero le 56 postazioni di rilevazione del traffico acqueo sui principali canali della Città”.

Tra le opere realizzate sono stati ricordati gli investimenti sul Palazzo del Casinò (34 milioni di euro) con la recente inaugurazione della nuova Sala Perla, la conclusione dei lavori e la riapertura del Nuovo Polo Nautico di San Giuliano e l’investimento di 20 milioni di euro per la realizzazione della seconda vasca di accumulo acque meteoriche a Carpenedo-Bissuola. Poi un cenno al Mose, con la prima manutenzione, nello scorso mese di luglio, della prima paratoia.

Poi le grandi sfide, dal Bosco dello Sport: “A marzo prenderanno il via i primi cantieri” ha confermato Brugnaro, alla costruzione della nuova stazione di Mestre, fino “al rilancio del distretto culturale di Mestre” ha aggiunto il sindaco annunciando una grande mostra al Centro Candiani il prossimo settembre e ricordando i 110 anni del Teatro Toniolo e la riapertura del Goldoni a Venezia. E poi ancora i grandi concerti in Piazza San Marco della Pausini, di Conte e della Fenice, la riapertura al grande pubblico del Parco San Giuliano con il concerto dei Pinguini Tattici Nucleari. Per il 2024 il fil rouge saranno le iniziative per le celebrazioni per i 700 anni di Marco Polo.

Sempre in tema di grandi sfide per il futuro il sindaco ha fatto cenno al tema del decremento demografico: “Un problema che accomuna tutte le città d’Italia. Il nostro obiettivo è dare la possibilità ai giovani di tutta Europa e del mondo di venire a Venezia per studiare e vivere la nostra città”, ha detto Brugnaro ricordando la recente firma del Patto Venezia Città Campus. Poi il passaggio finale sulla dimensione internazionale di Venezia: “La città ha riconquistato il suo ruolo diplomatico che ha origine dalla sua millenaria storia commerciale” ha detto ricordando la visita nello scorso mese di maggio della Presidente della Commissione Europea Ursula von der Leyen, il gemellaggio con Odessa, la firma a novembre del patto di gemellaggio con la città Hiroshima al termine di un percorso avviato tre anni fa, e la recente visita alla comunità ebraica all’indomani dell’attacco in Israele.

Infine, sul fronte della Cultura Brugnaro ha evidenziato l’incremento di cittadini che usufruiscono dei servizi delle Biblioteche, +15%, con i prestiti passati dai 160 mila del 2016 ad oltre 175.000 e l’incremento dell’11% degli orari di apertura dei servizi e del Bibliobus, con le iscrizioni passate dai 1010 dell’anno scorso alle 1677 del 2023, con un servizio che alla mattina è a disposizione delle scuole e nel pomeriggio è itinerante nelle municipalità. “Perché la cura del territorio – ha concluso Brugnaro – si vede anche nelle piccole cose”.

Scritto da: Redazione

Rate it

0%