Notizie Sportive

Union Clodiense: Ora è più che mai urgente intervenire sullo stadio

today8 Gennaio 2024 1256 4

Sfondo
share close

È inutile negarlo, la vittoria di domenica allo stadio Tenni di Treviso, che ha portato i granata a +15 punti di vantaggio sui padroni di casa fermi al secondo posto, ha acceso gli entusiasmi in vista di una possibile promozione in Lega Pro.

Lo spettro di un anno in esilio, seppur con la possibilità di una eventuale deroga per una stagione da parte della Federazione, è una possibiltà da non escludere, ma alla luce dell’attuale precarietà dello stadio Ballarin è più una realtà che un’ipotesi. Tra le destinazioni più probabili – e vicine – vi è certamente quella dello stadio Penzo di Venezia, che costringerebbe i tifosi chioggiotti ad una trasferta di oltre un ora anche nel caso di partite giocate ‘in casa’.

Sarà ora urgente ampliare e coprire la tribuna centrale, ma ad oggi lo scoglio più importante rigurda soprattutto i parcheggi: per giocatori, staff, autorità ed eventuali mezzi per il broadcasting televisivo oltre a quelli per i tifosi.

Il rifacimento delle due curve – una delle quali ad oggi non avrebbe comunque la capienza di spettatori richiesta dalla FIGC fissata a 500 posti – e dell’impianto di illuminazione sono certamente un buon inizio, ma da soli non bastano. Il progetto della nuova cittadella dello sport presentato lo scorso dicembre non prevede la realizzazione di un nuovo stadio per la città. Se si è quindi decisono che il Ballarin continuerà ad essere la casa granata anche per il futuro, è quindi necessario intervenire per portare lo stadio agli standard adeguati e richiesti dalla categoria superiore.

Da oltre tre anni la squdra del presidente Boscolo Bielo tenta l’assalto alla promozione, mancano circa otto mesi all’inizio del prossimo campionato e sarebbe davvero un peccato farsi trovare impreparati.

Scritto da: Redazione

Rate it

0%