Notizie dal Veneto

Influenza: Incidenza in calo nel Veneto

today11 Gennaio 2024 761

Sfondo
share close

L’incidenza dell’influenza stagionale in Veneto è in diminuzione. Lo attesta il nuovo Rapporto RespiVirNet, diffuso oggi dalla Direzione Regionale Prevenzione.

“Il calo – fa notare l’Assessore alla Sanità Manuela Lanzarin – appare generalizzato sia in assoluto, 11,23 per mille abitanti contro 14,48 per mille della precedente settimana, sia riguardo alle diverse fasce d’età, tutte in diminuzione, ad eccezione di un piccolo aumento nella fascia degli ultrasessantacinquenni, che fa segnare 6,39 per mille contro 5,98 della settimana scorsa. Il monitoraggio continua – aggiunge – e valuteremo nei prossimi giorni se si possa dire che è iniziata la fase discendente. Il nostro sistema sanitario complessivo – dice l’Assessore – sta reggendo bene l’urto della malattia, che peraltro i nostri tecnici ci dicono essere in linea con le stagioni influenzali pre-pandemiche. Non sta quindi accadendo nulla di eccezionale rispetto agli anni passati”.

Riguardo alle fasce d’età, quella tra zero e 4 anni scende al 29,67 per mille rispetto al 47,16 della scorsa settimana; 8,77 per mille si registra nella fascia tra 5 e 14 anni, contro 15,86 precedente; nella fascia tra 15 e 64 anni l’incidenza scende all’11,72 dal 13,8; in controtendenza, con una lieve crescita, l’incidenza tra chi ha più di 65 anni, con 6,39 per mille contro5,98 della scorsa settimana.

Secondo i tecnici della Regione Veneto, la situazione in Veneto non si discosta troppo dal dato nazionale (17,5 per mille): nell’ultima settimana monitorata del 2023 l’incidenza era al 14,48 per mille abitanti; oggi è all’11,23 per mille.

Il Veneto ha anche attivato, con il supporto operativo di Azienda Zero, un ulteriore sistema di monitoraggio sentinella degli accessi in Pronto Soccorso per motivi respiratori (tosse/dispnea; febbre/patologie respiratorie). Il sistema ha mostrato un aumento di circa il 10% nelle ultime settimane di dicembre rispetto al trend storico pre pandemico. “La circolazione di più virus – dicono gli esperti – incluso il Covid e il virus respiratorio sinciziale, potrebbe essere la causa di questo aumento”.

Le dosi di vaccino sinora somministrate sono 850.000, in linea con le scorse stagioni e la copertura vaccinale degli over 65 è attualmente del 50%.

“Ogni anno – precisano alla Direzione Prevenzione – purtroppo l’influenza causa decessi in tutto il mondo che, in genere, interessano persone già fragili per malattie concomitanti o per età anagrafica. A livello nazionale i dati della sorveglianza dei casi gravi (SARI) fino a questo momento non presentano anomalie rispetto al periodo prepandemico.

Scritto da: Redazione

Rate it

0%