Dalla città metropolitana

Venezia: Misure anti-inquinamento, i controlli della Polizia locale. Effettuate 51 sanzioni. In campo 68 pattuglie

today8 Febbraio 2024 24

Sfondo
share close

Al nono giorno di allerta di livello rosso per le polveri sottili nel comune di Venezia, continuano le verifiche della Polizia locale sulle limitazioni alla circolazione veicolare per il contenimento degli inquinanti. Numerosi sono i posti di controllo messi in atto nei centri abitati per far rispettare i divieti di transito per i veicoli appartenenti alle categorie soggette alle restrizioni di cui all’Ordinanza Sindacale n. 938 del 22/12/2023. Da inizio anno ad oggi sono state messe in campo 68 pattuglie che hanno passato in rassegna 445 veicoli, dei quali 38 sono stati sanzionati in quanto veicoli inquinanti e 13 perché transitavano nonostante le limitazioni previste per la categoria inquinante di loro appartenenza, elevando a carico dei conducenti una sanzione amministrativa pecuniaria pari a 168 euro, che si ridurrà a 117,60 euro se il pagamento verrà effettuato entro 5 giorni, per un ammontare totale di 6.384 euro. In caso di reiterazione nel biennio è inoltre prevista la sospensione della patente di guida per un periodo da 15 a 30 giorni. Questi controlli si aggiungono a quelli effettuati nel corso della domenica ecologica del 21 gennaio, che fanno così salire a 832 il numero dei veicoli verificati ai fini della tutela dell’ambiente nel corso del 2024 dalla Polizia locale di Venezia.

Numerose sono le deroghe previste dall’Ordinanza Sindacale 938/2023, che consentono il transito anche nel periodo di allerta di livello rosso di quei veicoli appartenenti alle categorie sottoposte alle restrizioni, a titolo esemplificativo se ne ricordano di seguito le più frequenti. E’ sempre consentita la circolazione alle auto che trasportano almeno 4 persone (cosiddetto car-pooling), a quelle al servizio di portatori di handicap muniti di contrassegno, o che trasportano persone sottoposte a terapie indispensabili e indifferibili, a quelle in utilizzo a chi presta assistenza a ricoverati presso luoghi di cura o servizi residenziali, a quelle dei medici e dei veterinari in visita domiciliare urgente, a quelle dei  donatori di sangue nel tragitto da casa al centro trasfusionale. Nessuna limitazione è prevista per i veicoli che circolano alimentati con gpl o con gas metano, per i taxi e gli ncc (noleggio con conducente).

L’allerta rimane di livello rosso anche per la giornata di domani. “Da parte dell’Amministrazione viene rivolto a tutta la cittadinanza l’invito alla responsabilità che si traduce nell’ utilizzare il più possibile i mezzi pubblici o la mobilità alternativa all’auto e di rispettare blocco euro 5”, puntualizza l’assessore all’Ambiente, Massimiliano De Martin.

“Ci sono delle regole e vanno rispettate – sottolinea l’assessore alla Sicurezza, Elisabetta Pesce – In questo caso rispettare le limitazioni significa anche tutelare noi stessi  in quanto l’inquinamento atmosferico è il più grande rischio ambientale per la salute. Ringrazio la Polizia locale per l’attività di controllo finalizzata al contenimento dei fattori inquinanti”.

Scritto da: Redazione

Rate it

0%