Dalla città metropolitana

Venezia: Tornano i Guardians a San Marco e Rialto

today30 Marzo 2024 17

Sfondo
share close

Stamattina sono tornati in azione i Guardians in piazza San Marco e nell’area di Rialto. A tenere a battesimo la nuova squadra di 11 addetti e 1 caposervizio, che avrà il ruolo di informare i turisti sulle buone pratiche da adottare per tutelare e rispettare il centro storico e di segnalare eventuali comportamenti scorretti, è stato l’assessore al Turismo Simone Venturini. “Il vostro compito è di primaria importanza – ha dichiarato l’assessore durante l’ultimo briefing operativo ‘sul campo’ – attraverso i vostri consigli trasmetterete ai visitatori l’unicità e al contempo la fragilità di Venezia, sensibilizzando al rispetto dei monumenti e della storia della città. Essere da supporto per questioni logistiche o per eventuali dubbi aiuta a garantire un’esperienza di visita soddisfacente ma, chiaramente, in caso di comportamenti scorretti o pericolosi avrete un filo diretto con la nostra Polizia locale e la Smart Control Room”.

Il servizio è attivo da oggi e si concluderà il 3 novembre. La presenza dei Guardians sarà garantita durante il weekend di Pasqua (1 aprile compreso), durante i fine settimana dal 5 al 7 aprile, dal 12 al 14 aprile, dal 19 al 21 aprile, durante il ponte dal 25 aprile al 5 maggio, dal 10 al 12 maggio, dal 17 al 19 maggio, dal 24 al 26 maggio. A partire dal 29 maggio, in concomitanza con il Salone Nautico all’Arsenale, i Guardians entreranno in azione tutti i giorni, dalle 10 alle 18, fino al 27 ottobre. Il servizio, infine, si concluderà nel weekend tra l’1 e il 3 novembre.

“Gli steward, con pettorina di riconoscimento – ha continuato l’assessore – anche quest’anno saranno chiamati a svolgere un ruolo di grande responsabilità dimostrando come la nostra città sia pronta ad accogliere a braccia aperte chi desidera visitarla ma al contempo pretenderne il rispetto”.

Il servizio è sostenuto dal progetto “Venezia e la sua laguna: gestione e valorizzazione dei flussi turistici” finanziato dal Ministero del Turismo.

Scritto da: Redazione

Rate it

0%