Notizie Locali

Un anno della nuova gestione dell’IBAP

today10 Gennaio 2024 41

Sfondo
share close

L’Assessore ai Servizi sociali del Comune di Chioggia Sandro Marangon e il presidente del CSA FF Casson Antonio Serraino stilano un bilancio della nuova gestione dell’IPAB di Chioggia a seguito del rinnovo, avvenuto nel marzo scorso, del Consiglio di amministrazione da parte del Sindaco Mauro Armelao.

“Esprimo soddisfazione peri risultati che il nuovo consiglio di amministrazione sta ottenendo nel giro di pochi, ma cruciali, mesi. Sottolineo inoltre come l’armonia di intenti con l’Amministrazione comunale stia producendo, oltre che un clima di necessaria distensione dei rapporti, anche delle sinergie fra amministrazioni che si svilupperanno concretamente nei prossimi mesi, con effetti benefici nell’offerta che l’Amministrazione intende dare alle fasce deboli e fragili della nostra città” spiega  Sandro Marangon, Assessore ai Servizi Sociali del Comune di Chioggia.

“Ringrazio il presidente e i componenti del Cda per l’impegno che stanno dimostrando nell’amministrare la casa di riposo pur conoscendo le difficoltà che stanno attraversano le strutture un po’ ovunque. Concordo sulla linea che sono dati che è quella di lavorare in primis per il benessere degli anziani ospiti e per creare un ambiente lavorativo sereno” ha affermato Mauro Armelao, Sindaco di Chioggia.
Antonio Serraino, presidente del CSA FF Casson: “Abbiamo concluso nei tempi previsti la procedura di gara per l’ampliamento della struttura residenziale Boschetto. Eravamo preoccupati ad inizio mandato per questo progetto perché non era stato affrontato con attenzione e rischiava inevitabilmente di naufragare.
I futuri nuovi 25 posti rappresentano prima di tutto una grande risposta alle esigenze della città e poi rappresentano un chiaro investimento per la sostenibilità economica dell’Ente all’insegna della qualità. Oltre che l’Amministrazione comunale, va ringraziata la Regione Veneto che sta finanziando il progetto con 1 milione di euro. Stiamo comunque lavorando anche per la realizzazione di alcuni posti aggiuntivi a pagamento, avendo rilevato nel mercato una forte domanda in tal senso”.

Investimenti anche sul personale: il 28 dicembre scorso infatti sono stati sottoscritti gli accordi giuridici ed economici col personale dipendente. A differenza del passato, tutte le sigle sindacali e le RSU hanno firmato.

“ Mi sento di ringraziare tutti per la disponibilità – ha proseguito Serraino. Il dialogo che l’Amministrazione ha avviato a 360 gradi, anche su temi organizzativi, sta evidentemente dando i suoi frutti, perché sta facendo emergere la consapevolezza di tutti (personale, sindacati e direzione dell’Ente) che solo “remando” insieme e nella stessa direzione si possono vincere le avversità e l’intento è quello di migliorare le condizioni di lavoro delle persone. In proposito vale la pena di ricordare che solo pochi mesi fa abbiamo ereditato una situazione finanziaria estremamente critica: stiamo lavorando, oltre che internamente, anche con la Regione per risolvere i problemi finanziari, che comunque accomunano un po’ tutte le case di riposo del Veneto. Nonostante il momento di difficoltà, nel rispetto degli impegni dell’Amministrazione comunale, stiamo cercando di non gravare sulle famiglie e per questo abbiamo congelato l’intero aumento che sarebbe stato da applicare alle rette dei nostri residenti, sospendendo l’aumento giornaliero di quasi 3 euro che si sarebbe dovuto applicare su base ISTAT. Con qualche risparmio e soprattutto puntando all’efficienza, il Consiglio di amministrazione è riuscito a ridurre l’aumento ad un solo euro al giorno, misura che è ben al di sotto degli aumenti che si stanno verificando in quasi tutte le case di riposo del Veneto”.

Scritto da: Redazione

Rate it

0%