Notizie Locali

L’Università di Padova porta il corso di laurea in infermieristica a Chioggia

today23 Aprile 2024 66

Sfondo
share close

 Dal prossimo anno accademico 2024-2025 l’Ulss3 Serenissima attiverà a Chioggia il nuovo canale formativo del Corso di Laurea in Infermieristica dell’Università di Padova, per 50 nuovi posti. L’annuncio questa mattina nella sede dell’Autorità di Sistema Portuale a Venezia, che metterà a disposizione gli spazi del Padiglione ASPO-Azienda Speciale per il Porto di Chioggia, in via dei Maestri del Lavoro e di proprietà del demanio.

L’avvio del nuovo percorso universitario dell’Ulss 3 anche a Chioggia, in cui fino al 1996 era attiva, presso l’ospedale, una scuola per infermieri professionali – è stato sottolineato – è frutto della partnership tra l’Azienda sanitaria, l’Università di Padova e la programmazione Regionale e ha l’obiettivo di promuovere l’istruzione e la formazione dei futuri professionisti infermieristici, migliorandone l’accessibilità.

“Dall’anno accademico 2020/2021 – ha spiegato l’assessore alla Sanità – l’offerta formativa ai corsi di laurea in infermieristica è stata costantemente incrementata passando da 1200 posti ai 1780 dell’anno in corso. In crescita anche il numero degli infermieri dipendenti del servizio sanitario regionale: dalle 22.395 unità del 2019 siamo arrivati alle oltre 24.000 del 2023. L’avvio del nuovo corso di laurea dell’ateneo patavino nella sede di Chioggia permetterà di aumentare l’offerta di ulteriori 50 unità, proseguendo anche la politica di apertura di corsi diffusi sul territorio. Una strategia utile ad incrementare l’attrattività dei luoghi e a fidelizzare i giovani laureati alle strutture sanitarie delle realtà in cui si formano”.

Soddisfazione è stata espressa dai vertici dell’Università degli studi di Padova che hanno ricordato come il Corso di Laurea in Infermieristica sia stato attivato dall’Ulss 3 nelle proprie sedi di Mestre-Mirano fin dal 2010 ed abbia registrato nel corso degli anni un costante aumento di studenti, arrivando a ospitarne 459, di cui 200 nuove immatricolazioni, per l’anno accademico 2023/2024.

Scritto da: Redazione

Rate it

0%