Notizie Locali

Il parco commerciale Clodì cambia proprietà

today25 Aprile 2024 298 5

Sfondo
share close

IGD”, società proprietaria del parco commerciale Clodì di Chioggia ha ufficializzato ieri  che è stato firmato il contratto definitivo in esecuzione dell’accordo preliminare, reso noto al mercato lo scorso 23 febbraio, sottoscritto con Sixth Street e società controllate da Starwood Capital e Prelios SGR S.p.A.

L’operazione riguarda la cessione, da parte di IGD, di un portafoglio immobiliare per un valore pari a 258 milioni di euro, sostanzialmente in linea con le perizie al 31 dicembre 2023.

Il portafoglio è composto da 8 ipermercati ubicati a Chioggia, Porto d’Ascoli, Roma, Rimini, Conegliano, Ascoli Piceno e 2 a Bologna, 3 supermercati situati a Civita Castellana, Ravenna e Roma e 2 gallerie commerciali che si trovano a Bologna e Chioggia.

L’operazione si è realizzata attraverso un fondo di investimento immobiliare chiuso (REIF di diritto italiano) denominato “Food Fund”, costituito e gestito da Prelios SGR S.p.A., società di gestione del risparmio del Gruppo Prelios, al quale IGD ha conferito gli immobili. Successivamente al conferimento, IGD ha ceduto il 60% delle quote del Fondo (quote di classe A con rendimento privilegiato) a un veicolo lussemburghese (50% Sixth Street e 50% Starwood Capital) per un controvalore pari a 155 milioni di euro, e ha mantenuto la proprietà del restante 40% (quote di classe B con rendimento subordinato).

Siamo molto soddisfatti di avere perfezionato in tempi rapidi un’operazione a cui tenevamo particolarmente, in linea con il Piano Industriale 2022-2024 e mirata a ridurre la leva finanziaria del Gruppo”, ha commentato l’Amministratore Delegato di IGD Roberto Zoia. “Grazie alle risorse finanziarie raccolte potremo rimborsare, tra gli altri, quasi un terzo dell’ammontare del bond emesso lo scorso 17 novembre, che impatta in modo significativo la nostra generazione di cash flow. La buona riuscita di questa operazione conferma, pertanto, il nostro impegno ad accelerare il rimborso degli strumenti finanziari più onerosi, dedicando la massima attenzione a un ulteriore miglioramento della gestione caratteristica e alla creazione di valore per tutti gli stakeholder”.

Scritto da: Redazione

Rate it

0%