Notizie Locali

Cavanella D’Adige: Dal 16/3 lavori sull’ argine del fiume, divieto di transito in un tratto di via Lungo Adige

today8 Marzo 2022 99

Background
share close

Da mercoledì 16 marzo, fino all’11 settembre 2022, è istituito il divieto di transito per pedoni e veicoli per un tratto di circa 400 metri in via Lungo Adige a Cavanella, immediatamente ad ovest di via Salasco, per lavori di arginatura del fiume Adige.

La richiesta di chiusura del tratto di strada, nell’area interessata dai lavori, è pervenuta agli uffici comunali da parte della Regione Veneto – Area Tutela e Sicurezza del Territorio – Unità Organizzativa Genio Civile, per motivi tecnici e di sicurezza: la macchina operatrice occuperà, infatti, tutta la sommità arginale.

I lavori di sicurezza idraulica, finanziati dalla Regione del Veneto (con OCDPC n. 558/2018) e  progettati dalle strutture regionali del Genio Civile,  porteranno all’esecuzione di un diaframma lato fiume della lunghezza di circa 386 metri e profondità di 21,50 metri dalla sommità arginale, al fine di determinare un allungamento del percorso delle acque sotterranee e una notevole riduzione delle filtrazioni d’acqua. L’intervento si completerà entro 180 giorni dal suo avvio. L’amministrazione comunale, per il tratto interessato, avrà cura della rimozione dei guard rail, che interferiscono con le lavorazioni. Sarà apposta idonea segnaletica stradale per le deviazioni.

«Ho provveduto ad avvisare il presidente del comitato della frazione dell’imminente inizio dei lavori – spiega l’assessore ai Lavori Pubblici Elisabetta Griso – affinché tutte le famiglie coinvolte ne siano al corrente. Si tratta di una modifica della viabilità importante, che comporta delle deviazioni considerevoli, sia per raggiungere la SS 309 Romea, sia per continuare ad usufruire dei servizi di Cavanella, oltre che per la prevista durata dei lavori, di circa 6 mesi».

Written by: Redazione

Rate it

Previous post

Notizie Locali

Federpesca: Caro gasolio insostenibile, al lavoro per trovare soluzioni

Da ieri in molti porti italiani i pescherecci sono rimasti a terra. È questa la decisione presa dalla maggior parte delle marinerie a causa dell’aumento del costo del gasolio che dalla fine dell’anno ad oggi è cresciuto senza tregua. Una situazione che rende sconveniente andare in mare e che ha costretto molte imprese a fermarsi per evitare ulteriori perdite. Una congiuntura economica che va avanti da mesi e per la […]

today8 Marzo 2022 8


0%