Notizie dal Veneto

Baldin (M5S): “Anche il Veneto verso la privatizzazione, Zaia non faccia lo struzzo”

today29 Dicembre 2022 25 5

Sfondo
share close

“La sanità veneta sta scivolando verso il privato e non da oggi. Ormai a negare questo preoccupante fenomeno è rimasta soltanto la Giunta Zaia, con il Presidente che anche in occasione della presentazione del bilancio regionale ha raccontato tutto il contrario: una Regione che non ha mai favorito il privato, che anzi lo riduce. Come si spiega allora la realtà con cui quotidianamente si scontrano i veneti, ben descritta nei numeri pubblicati oggi da La Nuova? Mi chiedo che film abbia visto Zaia”. Così la consigliera regionale Erika Baldin, del MoVimento 5 Stelle che in una nota commenta i dati delle Aziende Ulss del Veneto resi noti oggi dalla stampa locale e aggiunge: “Di fronte a problemi veri e tangibili, noti a tutti i cittadini che si rivolgono al Servizio sanitario regionale, Zaia non nasconda la testa sotto la sabbia”.

“Se 21 Pronto soccorso su 26 in Veneto sono operativi grazie a cooperative private, vuol dire che un problema esiste. Se il privato convenzionato – osserva la consigliera – è arrivato al 21% tra ospedali e centri riabilitativi, non si può far finta di niente. Se la Giunta Zaia paga ai privati 10 milioni di euro su 41 per smaltire le liste d’attesa, pari al 25 %, io mi preoccupo come tutti i cittadini veneti che sanno benissimo cosa significa essere costretti a rivolgersi al privato quando, ad esempio, nel pubblico i tempi d’attesa sono troppo lunghi. Non è un problema soltanto veneto, ma è un problema anche in Veneto. Ho sempre denunciato la privatizzazione strisciante in sanità, di recente anche con un’interrogazione sull’area riabilitativa che nell’Azienda Ulss n. 3 Serenissima vede la netta prevalenza del privato convenzionato. Continuerò a testa alta a far emergere i problemi che esistono e a pretendere risposte dalla Giunta Zaia”, conclude Baldin.

Scritto da: Redazione

Rate it

Articolo precedente

Notizie Locali

La Guardia Costiera sequestra oltre 4,5 tonnellate tra fasolari e vongole lupino

Nel corso delle ordinarie attività di controllo presso gli esercizi commerciali presenti nel territorio di giurisdizione della Capitaneria di porto – Guardia Costiera di Chioggia, il personale militare dipendente ha sottoposto a sequestro oltre 4,5 tonnellate tra fasolari (callista chione) e vongole lupino (chamelea gallina).  L’attività di monitoraggio e controllo è iniziata qualche giorno fa, nel corso dell’operazione complessa denominata “Senza Traccia” svolta su tutto il territorio nazionale, ma si […]

today29 Dicembre 2022 46 1


0%