Dalla città metropolitana

A Venezia è il giorno della Vogalonga: 2000 barche per combattere il moto ondoso e ripristinare le tradizioni veneziane

today28 Maggio 2023 132 21

Sfondo
share close

Un tripudio di imbarcazioni di tutte le forme e dimensioni, ma rigorosamente a remi ha dato il via questa mattina a Venezia alla 47. edizione della Vogalonga, la manifestazione nata per combattere il moto ondoso, ripristinare le tradizioni veneziane e contribuire a diffondere attenzione per l’ambiente e la natura.

Quasi 2.000 le imbarcazioni tra cui gondole, pupparini, “mascarete” e oltre 7.300 i partecipanti provenienti da 40 diversi Paesi del mondo, hanno compiuto- per usare le parole dei suoi promotori – “un atto d’amore per Venezia e l’acqua che la circonda, per la sua laguna e le sue isole”.

Il percorso è stato quello tradizionale di 30 km, da concludere entro sei ore, con partenza al colpo di cannone alle ore 9 dal Bacino di San Marco. Il tragitto ha previsto il passaggio davanti alle isole di Sant’Elena, delle Vignole, di Sant’Erasmo e di San Francesco del Deserto, per arrivare a Burano e poi, costeggiando le isole di Mazzorbo, Madonna del Monte e San Giacomo in Paludo, a Murano, con l’attraversamento del suo ‘Canal Grande’, e tornare infine a Venezia. Vogando per il canale di Cannaregio e il Canal Grande le imbarcazioni sono giunte quindi all’arrivo alla Punta della Dogana di fronte a San Marco.

Alle premiazioni, insieme ad Antonio Rosa Salva e Massimo Zanotto del Comitato organizzatore, ha partecipato il consigliere delegato alla Tutela delle Tradizioni Giovanni Giusto, che ha consegnato a ciascun partecipante una medaglia e un attestato: “Grazie all’esperienza degli organizzatori della Vogalonga, che ringrazio, la manifestazione è stata un successo. Una giornata stupenda, un appuntamento fisso: tutti insieme per rimarcare il rispetto al nostro ambiente contro il moto ondoso”.

“Una bellissima giornata nel segno della voga e dell’amicizia, per promuovere il rispetto per l’ambiente e la riscoperta di muoversi a remi che permette di ridurre il moto ondoso” il commento soddisfatto del comitato organizzatore. Non si sono riscontrati particolari problemi grazie al lavoro dei volontari e di tutti gli enti, le Forze dell’ordine e le associazioni che hanno contribuito alla buona riuscita della Vogalonga. Per San Marco, alzaremi!”

Anche in questa edizione è stato istituito il premio “Lino Toffolo” che sarà assegnato alla barca più stravagante, simpatica, ingegnosa, da una giuria di cui sarà presidente uno dei più cari amici del comico di Murano, Renato Pozzetto.

I proventi delle iscrizioni alla manifestazione, che ha il sostegno del Comune di Venezia, di Vela e di Avm ed il patrocinio del Coni e delle Federazioni Canottaggio, Canoa e Kayak, saranno devoluti al mondo della voga, salvo una quota del 20% che sarà destinata a finanziare una ricerca universitaria sul contenimento del moto ondoso.

Scritto da: Redazione

Rate it

Post simili


0%