Dalla città metropolitana

Nuovo bando sul lavoro portuale a Venezia e Chioggia, Montanariello (Pd): “Intervenga la Regione”

today27 Luglio 2023 137 5

Sfondo
share close

“In merito alla disputa nata sul bando di gara per l’affidamento del lavoro portuale temporaneo nei porti di Venezia e Chioggia, quali provvedimenti intende adottare la Giunta regionale per porre fine allo scontro e scongiurare i disagi che inevitabilmente si verificherebbero con uno sciopero ad oltranza?”. La domanda, posta attraverso un’interrogazione, è del Consigliere regionale del Partito Democratico e Vicepresidente della Commissione infrastrutture dell’Assemblea legislativa veneta Jonatan Montanariello.

Nel testo si ricorda che “L’Autorità di Sistema Portuale del Mare Adriatico Settentrionale, la compagnia portuale di Chioggia Serviport e gli imprenditori portuali, forti del parere ministeriale, sono a favore di un unico bando. Al contrario, la Nuova Clp di Venezia, sostenuta dai sindacati e dal Comune, chiede un doppio bando. La Nuova Compagnia Lavori Portuali di Venezia ha proclamato uno sciopero dall’1 al 7 agosto, in opposizione al bando per l’individuazione di un unico fornitore. Questo sciopero segue il precedente, avvenuto nelle giornate tra il 26 e il 28 aprile scorsi, per le medesime motivazioni”.

Montanariello ribadisce che “Le tensioni di questi giorni, alimentate da prese di posizione del sindaco veneziano, non aiutano a ricomporre il quadro di una unitarietà che, peraltro, sta già nei fatti, visto che si tratta di un’Autorità di Sistema Portuale che comprende Venezia e Chioggia. Il ruolo della Regione è a questo punto fondamentale per ripristinare un clima collaborativo e produttivo. La Regione è competente nell’ambito logistico ed è stato appena presentato un Piano che assegna ai nostri porti una centralità irrinunciabile, anche nell’ottica del PNRR. La Regione, dunque, prenda posizione nella vicenda”.

Scritto da: Redazione

Rate it

0%