Notizie dal Veneto

West Nile: Confermato il primo caso in Veneto

today29 Luglio 2023 159

Sfondo
share close

La Direzione Prevenzione della Regione Veneto comunica che il primo caso umano di West Nile (WNF) per questa stagione è stato confermato ieri, 27 luglio 2023, dal laboratorio di Padova, in una persona residente in Veneto. In genere quando il primo caso umano si verifica in questo periodo (fine luglio) non ci si attende una stagione di alta circolazione con molti casi nell’uomo: l’anno scorso infatti, il primo caso si era verificato già ad inizio giugno.

Da diversi anni il virus di West Nile circola ogni estate nel territorio della Regione Veneto e di altre regioni del nord Italia. West Nile è un virus che viene trasmesso dalle zanzare e che non si trasmette da persona a persona. L’infezione è spesso asintomatica: in una persona su cinque ci possono essere manifestazioni come febbre, mal di testa, dolori articolari, eritemi cutanei e, raramente (1 caso su 150) possono verificarsi quadri severi, con il coinvolgimento del sistema nervoso (ad esempio meningite ed encefalite).

La situazione ambientale e climatica della scorsa estate 2022 aveva determinato un contesto molto favorevole alla circolazione di questo virus e si sono verificati moltissimi casi di infezione e purtroppo anche dei decessi.

Nelle ultime settimane si sono verificate, come atteso, le prime positività del Virus nelle zanzare. La Regione Veneto, in collaborazione con l’Istituto Zooprofilattico Sperimentale delle Venezie e con tutti i Dipartimenti di Prevenzione delle ULSS stanno mantenendo un’attenta sorveglianza sul territorio, al fine di permettere interventi tempestivi ai primi segnali di circolazione virale.

Poichè il virus continua a circolare ogni estate nella nostra regione è molto importante che tutti adottino le misure opportune per prevenire l’infezione umana e per evitare la diffusione e la crescita delle zanzare

La Regione del Veneto da molti anni è dotata di un Piano Regionale di lotta alla diffusione dei virus trasmessi dalle zanzare che prevede la collaborazione dei Comuni, delle Prefetture, dei Consorzi di Bonifica, dell’Istituto Zooprofilattico Sperimentale delle Venezie e delle Aziende ULSS.

La sorveglianza si basa sul monitoraggio delle infezioni nell’uomo e negli animali (equini ed uccelli) e nella ricerca di questo virus nelle zanzare che vengono catturate con apposite trappole distribuite sul territorio regionale. La sorveglianza ha lo scopo di verificare la presenza di virus nelle zanzare che possono essere trasmessi all’uomo.

Ogni anno i Comuni, in collaborazione con le ULSS, attuano specifici programmi di lotta alle zanzare soprattutto con interventi di rimozione delle larve e di manutenzione delle aree a maggior rischio di proliferazione di zanzare. Viene monitorata dalle Aziende Ulss l’adesione dei Comuni ai Piani di disinfestazione e i Comuni che non attuano le misure previste vengono segnalati ai Prefetti dell’area di competenza.

Per la stagione in corso sono state ulteriormente rafforzate le misure di sorveglianza, secondo le indicazioni previste dalla DGR 389 del 7 aprile 2023, in particolare monitorando con attenzione l’efficacia degli interventi di controllo delle zanzare sul territorio garantiti dai Comuni ed eseguendo sopralluoghi tempestivi nelle aree di possibile circolazione virale.

Scritto da: Redazione

Rate it

0%