Notizie Locali

Arriva a Chioggia il mercantile Rimona, ringraziamenti di Mediterranea per il salvataggio dei migranti naufraghi

today11 Agosto 2023 287 4 5

Sfondo
share close

È attesa nel pomeriggio di sabato 12, al porto di Chioggia, la nave mercantile maltese Rimona, che nei giorni scorsi ha tratto in salvo, a sud di Lampedusa, i quattro superstiti dell’ennesimo naufragio di migranti nel quale hanno perso la vita 41 persone salpate da Sfax in Tunisia.
A tal proposito, il locale equipaggio “di terra” di Chioggia di Mediterranea Saving Humans, vuole esprimere i più sinceri ringraziamenti a tutto il personale di bordo della Rimona per il soccorso effettuato lo scorso martedì quando si sono imbattuti nel precario scafo alla deriva dove avevano trovato rifugio i quattro giovanissimi superstiti, trasbordandoli poi sulla motovedetta Cp327 della Guardia costiera.

«Il comandante della Rimona ha agito responsabilmente – sostengono le attiviste e gli attivisti chioggiotti – applicando la legge del mare, ovvero prima si salva, poi si discute». Quello che le navi della Civil Fleet, la flotta civile delle navi di monitoraggio e soccorso attive nel Mediterraneo, compiono ogni giorno, nonostante vengano spesso ostacolate e osteggiate dai governi e dispongano di mezzi non paragonabili alle strutture governative e a Frontex. «La politica scellerata dell’Italia e dell’Unione Europea ha già mietuto un numero incalcolabile di vittime: donne, uomini, bambini che avevano il solo torto di cercare una vita migliore. Gli accordi con Tunisia, Libia e Turchia così come sono, denaro in cambio di segregazione, determinano solo ulteriori sofferenze per chi decide di migrare. L’unica strada sono canali regolari di ingresso e una missione europea di soccorso e salvataggio in mare»

«Chioggia, città di mare che nei secoli vi ha perduto tante vite per lavoro – concludono le attiviste e gli attivisti – e che nell’estate del 2021 ha ospitato la nave Mare Jonio – la nave di Mediterranea Saving Humans – per essere riparata e ammodernata non può essere insensibile alla più grande delle questioni che l’era contemporanea impone. Anche per questo ringraziamo i marinai della Rimona, nella speranza che le politiche italiane ed europee in tema di migrazione vengano radicalmente ribaltate»

Scritto da: Redazione

Rate it

0%