Dalla città metropolitana

Brugnaro:”Serve rifinanziare la Legge speciale”

today21 Agosto 2023 43 4

Sfondo
share close

Il sindaco di Venezia, Luigi Brugnaro, ha effettuato questa mattina una serie di sopralluoghi in alcune delle zone interessate dai lavori di ripristino delle rive. Ammontano a circa 30 milioni gli interventi che l’Amministrazione comunale sta mettendo a gara o sta eseguendo solo per il ripristino delle rive maggiormente danneggiate. Il sindaco, che si è soffermato in particolare in riva Sette Martiri e Riva Contarini, ha ribadito come sia fondamentale il rifinanziamento della Legge speciale per eseguire gli interventi necessari a “salvare Venezia”, la cui manutenzione è straordinaria e con costi a dir poco “speciali”.

“Venezia è patrimonio dell’Umanità e quindi è necessario che a tutti i livelli si intervenga per tutelarla” ha commentato il sindaco. “Il Comune sta facendo la sua parte, sta procedendo con un piano emergenziale su rive e fondamenta in centro storico e nelle isole, ma è indispensabile ottenere in tempi rapidi il rifinanziamento della Legge speciale. Abbiamo predisposto anche un dettagliato dossier”.

Da qui l’appello rivolto in primis al Governo, a cominciare dalla presidente del Consiglio Giorgia Meloni e dal ministro delle Infrastrutture, Matteo Salvini.

“I fondi stanziati a titolo di rifinanziamento della Legge speciale per Venezia termineranno nell’annualità 2024, ultima tranche del lotto di 285 milioni messi nel 2017 dall’allora governo Gentiloni su interessamento in prima persona del presidente della Repubblica Sergio Mattarella che ancora oggi ringraziamo. Senza, non sarà pertanto più possibile provvedere alla necessaria alla salvaguardia della Città” conclude Brugnaro.

La richiesta unitaria e trasversale del Consiglio comunale, già proposta nel 2020 al Governo Conte e reiterata ai successivi, è quella di rifinanziare in modalità pluriennale e strutturale la Legge speciale per Venezia, con risorse da conferire direttamente ai bilanci del Comune di Venezia e degli altri Comuni di Gronda, per un importo di 150 milioni di euro l’anno per i prossimi dieci anni.

Scritto da: Redazione

Rate it

0%