Dalla città metropolitana

L’associazione internazionale delle città portuali sceglie Venezia per il suo summit annuale

today14 Novembre 2023 88 2

Sfondo
share close

È Venezia la città-porto prescelta per ospitare il summit annuale di AIVP (Association Internationale Villes et Ports), l’associazione che nasce più di 30 anni fa per studiare le sfide e le opportunità delle città marinare, da affrontare attraverso il dialogo tra l’anima portuale e quella cittadina.

 

AIVP Venice 2023 si terrà nelle giornate del 16 e 17 novembre all’Arsenale, a porte chiuse, coinvolgendo oltre 300 partecipanti tra rappresentanti delle istituzioni, aziende ed esperti di settore in una serie di tavole rotonde e workshop finalizzati a far emergere le migliori pratiche internazionali nel campo della protezione del patrimonio culturale e della sostenibilità.

 

La scelta di Venezia come sede del summit è stata presa all’unanimità dal board dell’Associazione, guidato dal Presidente e già primo ministro francese Edouard Philippe. L’Autorità di Sistema Portuale del Mare Adriatico Settentrionale è membro del consiglio di amministrazione di AIVP dal 2017, parte dell’Associazione dal 2016 e co-organizzatore dell’evento veneziano.

 

Il Presidente dell’AdSPMAS Fulvio Lino Di Blasio interverrà, in apertura dei lavori, giovedì 16 novembre alle ore 9:00 e parteciperà lo stesso giorno alle ore 14:00 alla tavola rotonda istituzionale intitolata “Envisioning the port city of the future”, moderata dalla rappresentante dell’OECD Oriana Romano (Head of Unit, Water Governance, Blue and Circular Economy del Centro dell’OECD per Imprese, regioni e Città), che farà interagire il Presidente di ESPO e dell’AdSP triestina Zeno D’Agostino, il Sindaco di Le Havre e Presidente di AIVP Edouard Philippe e Erik Giercksky Head of the Action Platform for Ocean – UN Global Compact e vedrà il commento del Vice Ministro delle infrastrutture e dei trasporti Edoardo Rixi. Venerdì 17 alle ore 9:15 il presidente Di Blasio dialogherà con rappresentanti delle Autorità portuali di Barcellona e della Jamaica nel contesto della tavola rotonda intitolata “The next step for sustainable cruises”.

 

Scritto da: Redazione

Rate it

0%