Dalla città metropolitana

Pellestrina, al via la sperimentazione dei tornelli di entrata priority

today5 Dicembre 2023 53 4

Sfondo
share close

Prende avvio da giovedì 7 dicembre la sperimentazione a Pellestrina Cimitero degli accessi prioritari. Dopo l’apertura ad inizio agosto del nuovo impianto AVM/Actv per un investimento di 550 mila euro interamente sostenuto dall’azienda, si completa la struttura con un ulteriore intervento totalmente dedicato alla tecnologia: 2 tornelli di entrata priority monodirezionali, due tornelli di entrata all passenger monodirezionali e due tornelli di uscita bidirezionali, due emettitrici automatiche e le relative coperture.

Pellestrina Cimitero è uno nodo intermodale della rete di trasporto pubblica di linea e non di linea, grazie alla intersezione del servizio automobilistico full electric e di navigazione di linea 11, l’area sosta per autovetture presente al terminal e i ciclostalli posizionati per le biciclette, nonché il vicino impianto che verrà dedicato al trasporto pubblico non di linea sempre in gestione ad AVM.

Viene avviata nell’Isola di Pellestrina una importante sperimentazione riguardante la gestione dei flussi di mobilità acquea, ciclabile, viaria e pedonale, garantendo la priorità di imbarco agli aventi diritto, siano essi a piedi o in bicicletta, al fine di sostenere appieno la vivibilità dell’isola per residenti e pendolari e la qualità della visita per turisti e occasionali, come già avvenuto quest’anno con l’organizzazione delle corsie di imbarco tramite tendiflex e steward.

Pellestrina Cimitero diventa il quindicesimo impianto, dopo Piazzale Roma F, P.le Roma D e E, Ferrovia B, Rialto C, San Zaccaria A e E, Lido Santa Maria Elisabetta A e B, Murano Faro A e B, Punta Sabbioni B e Burano B e C, dove vengono introdotti gli accessi prioritari, nati nel 2016 per volontà dell’Amministrazione Comunale di Venezia e via via cresciuti all’interno della rete di navigazione nei pontili dove si riscontrano particolari picchi di domanda e dove le strutture consentono la separazione dei flussi.

I varchi priority registrano oggi un flusso quotidiano con picchi da 20 mila accessi, confermandosi come una importante intuizione nel panorama del servizio di trasporto pubblico, estremamente apprezzata dalla cittadinanza, dai pendolari per studio e lavoro e dalle fasce deboli della popolazione.

“Come Amministrazione siamo particolarmente attenti alla vivibilità delle Isole della Laguna di Venezia – ha dichiarato l’assessore al Bilancio e alle Partecipate Michele Zuin – Assieme all’assessore alla Mobilità Boraso, su Pellestrina in particolare, stiamo programmando diversi investimenti volti alla salvaguardia, alla valorizzazione sostenibile delle risorse e alla qualità della vita dei residenti. Vogliamo introdurre meccanismi di gestione del cicloturismo in collaborazione con AVM e valorizzare le peculiarità dell’Isola in una logica di compatibilità con la vita quotidiana di residenti e pendolari. Lo stesso trasporto pubblico vede importanti risorse stanziate per infrastrutture e mezzi, non solo il nuovo impianto del Cimitero ma anche l’intervento in fase di progetto ai terminal ferry di Alberoni Faro Rocchetta e Santa Maria del Mare per il raddoppio della piattaforma di attracco delle navi traghetto”.

“L’intervento di Pellestrina – ha dichiarato il direttore generale del Gruppo AVM Giovanni Seno – rappresenta un segnale di attenzione e ascolto nei confronti della cittadinanza e delle esigenze di mobilità di tutti i passeggeri che quotidianamente trasportiamo in Laguna. Stiamo investendo, in accordo con il Comune di Venezia in flotta e infrastrutture seguendo gli assi della sostenibilità, dell’innovazione tecnologica e della qualità del servizio. Credo sia un segnale di forte attenzione che Comune di Venezia e AVM hanno voluto dare per la vivibilità dell’Isola. L’auspicio è che tali dotazioni vengano adottate dalla popolazione locale affinché ne venga conservata l’integrità come bene della comunità. Ringrazio i tecnici che si sono adoperati per la realizzazione dell’opera in tutte le fasi di cantiere”.

“I tornelli permetteranno di realizzare finalmente, la corsia prioritaria o priority, tanto desiderata dai residenti, visto le lunghe code di persone in direzione Chioggia, che si creano soprattutto nella stagione estiva – ha commentato il consigliere delegato per i Rapporti con le isole Alessandro Scarpa Marta – Un risultato importante nei confronti dei residenti, dei lavoratori e degli studenti che avranno la precedenza nell’imbarco rispetto ai non residenti e ai turisti. Sarà nostro compito monitorare quotidianamente l’attività, in collaborazione con AVM e Comune di Venezia, affinché la corsia prioritaria funzioni regolarmente dando la possibilità ai residenti dell’isola di avere la precedenza nell’imbarco”.

Come utilizzare la Priority

Se sei un titolare di tessera Venezia Unica residente in comune di Venezia o se sei già cliente con profilo abilitato all’accesso prioritari nella rete di navigazione AVM/Actv, il tuo supporto è stato automaticamente configurato in modo da consentirti l’accesso ai varchi “priority” di Pellestrina, avvicinando normalmente la tessera alla validatrice.

Se sei uno studente o un lavoratore con sede nella Venezia Insulare titolare di tessera Venezia Unica, ma non residente in comune di Venezia e non hai ancora il profilo abilitato, l’attivazione del profilo “priority” nella tua tessera Venezia Unica non è automatica. Potrai recarti presso una delle agenzie Venezia Unica abilitate al rilascio delle tessere e chiedere la modifica del profilo.

Se sei un cliente appartenente alle fasce deboli della clientela, titolare di tessera di agevolazione tariffaria rilasciata dalla Città Metropolitana di Venezia (ai sensi dell’art. 1 della L.R. 19/1996) la tua tessera Venezia Unica è stata automaticamente configurata in modo da consentirti l’accesso ai varchi “priority”.

Se sei un cliente con ridotta capacità motoria in carrozzina ti viene garantito l’accesso ai varchi “priority” attraverso il corridoio di uscita, un apposito pulsante a chiamata ti permetterà infatti di avvisare della tua presenza all’imbarco il personale aziendale di presidio presso gli approdi sopra elencati.

Scritto da: Redazione

Rate it

0%