Dalla città metropolitana

“Wine in Venice”: Il programma della seconda edizione

today8 Dicembre 2023 55 1

Sfondo
share close

Mancano pochi giorni a Natale e la città di Venezia ci regala in anticipo la presentazione del programma della seconda edizione di Wine in Venice con la possibilità, da oggi, di acquistare “un posto in prima fila” per assistere al red carpet del vino.

Wine in Venice è un evento con un approccio rivoluzionario dove le cantine (una per regione d’Italia) espongono per merito e senza costi, un merito non solo per quello “prodotto nel bicchiere” (certificato anche per questa seconda edizione dall’Associazione Italiana Sommelier grazie alla partnership con AIS Veneto ed al suo presidente Gianpaolo Breda), ma soprattutto un merito derivato da progetti conclusi con successo, progetti di: etica, sostenibilità ed innovazione…pilastri indiscussi della manifestazione.

Nel corso della prima edizione furono oltre tremila duecento persone, in tre giornate di kermesse con oltre seicento settanta etichette di vino che hanno sfilato lungo i duecento ventiquattro metri di tappeto rosso, stesi nelle maestose sale veneziane della Grande Scuola della Misericordia e del Cà Vendramin Calergi che rimangono “le case” della manifestazione, anche per questa seconda edizione.

Un evento fortemente sostenuto dal Comune di Venezia, come dichiara Simone Venturini, Assessore del Turismo di Venezia: ”La laguna e la terraferma sono territori ricchissimi di biodiversità ed eccellenze enogastronomiche, Wine in Venice ci offre l’opportunità di raccontarli al meglio. Il nostro impegno nell’ospitare eventi di alto livello, come sarà la seconda edizione di questa manifestazione, punta a coinvolgere pubblici selezionati di addetti ai lavori ma anche a far conoscere a un’ampia platea come Venezia e la sua storia millenaria siano intimamente legate alle sue produzioni agricole e vinicole. Un passato glorioso che ancora oggi plasma il nostro presente. Raccontando il territorio lagunare e le sue tradizioni intendiamo quindi valorizzare un turismo ‘slow’ desideroso di conoscere nel profondo la nostra città e il fatto che l’accento di Wine in Venice sia, sin dall’inizio di questa avventura, posizionato sulla costruzione di un futuro sostenibile e di un modello di economia circolare non può che inorgoglirci. Come Amministrazione stiamo lavorando nella stessa direzione”

La seconda edizione sarà un intreccio tra continuità e novità ed andrà̀ in scena dal prossimo 20 gennaio 2024 per quattro giorni, uno in più rispetto alla prima edizione, nella stessa location veneziana della Grande Scuola della Misericordia per una “casa” che rappresenta molto di più di una semplice scelta di una location, come dichiara Christian Vio, Chief Operation Officer della Grande Scuola della Misericordia SpA: “La scelta di realizzare la Wine in Venice alla Misericordia nasce dagli stessi principi comuni di etica, sostenibilità ed innovazione: concetti che ci rappresentano fin dal nostro progetto di restauro a spazio polifunzionale realizzato all’interno di un palazzo del fine 500 e che ora applica appunto il rispetto dei valori, l’equilibrio ambientale e sociale ed introduce al suo interno sistemi e criteri nuovi.”
In questa scoperta del programma della seconda edizione, iniziamo nel raccontarvi i punti di continuità con la passata kermesse, “costruire innovazione partendo dai pilastri di successo della scorsa edizione” è per questo che non sono cambiate: ne location, ne la media partnership, come non sono cambiati i temi della manifestazione che restano: Etica, Sostenibilità ed Innovazione…come non è cambiata la selezione con una presenza di 20 cantine (una per regione italiana) che come lo scorso anno saranno selezionate per progetti realizzati per uno dei tre pilastri della manifestazioni citati poco fa, le cantine infine saranno giudicate nel bicchiere dall’Associazione italiana Sommelier. Merita tuttavia un approfondimento il tema della sostenibilità che sarà fondamentale nel processo di assegnazione delle venti Wine Wild Card, per questo è fondamentale l’analisi che riceveremo dai professionisti della rete “Vini Sostenibili – Vinrà” che condurranno uno screening su tutte le certificazioni in tema di sostenibilità, approfondendo dettagliatamente i progetti che si candideranno, come dichiarano Paolo Criscione e Maria Dei Svaldi: “La sostenibilità non rappresenta un concetto generico e fumoso ma è un percorso di responsabilità e misurazione delle impronte socio-ambientali di aziende vitivinicole che hanno scelto di mettere “nero su bianco” i propri valori etici e i propri impegni. Individuare buone pratiche in un iter di miglioramento continuo è una sfida con sé stessi a fare sempre meglio e aumentare di giorno in giorno le proprie performance, sulla base di standard riconosciuti e comunicabili. Essere sostenibili è dare un prezioso contributo al bene comune; poter comunicare ciò che si fa per il bene comune è un’occasione davvero unica, soprattutto in un contesto così fragile e prezioso come la città di Venezia. Grazie Wine in Venice, un’opportunità concreta ed esclusiva per i viticoltori che desiderano raccontare, ad un pubblico eterogeneo, i loro progetti per migliorare il nostro pianeta”.

La giuria rimane capitanata da Luca Ferrua presidente di giura, con tante conferme da Karin Meriot a Gabriele Gorelli, da Lara De Luna a Jacopo Cossater, da Lara Loreti a Nanyoung Beak e Mattia Cianca ma con nuovi prestigiosi ingressi come Sara Roversi , Rosy Ursillo , Laura e Roberto Pintadu, Riccardo Sgarra e Flavio Dotta e Annamaria Tartaglia.

Sette le novità previste per la seconda edizione:
1) Hall of Fame da quest’anno sarà inaugurato uno spazio per le cantine che negli anni precedenti hanno vinto la manifestazione, saranno quindi altre venti cantine quest’anno ad avere uno spazio espositivo all’interno della manifestazione per una vera e propria “parata di stelle” enoiche.
2) Mediakey Venice Award un premio dedicato al food&beverage ed alla sostenibilità realizzato in partnership con il Gruppo Media Key e celebrerà i migliori progetti di marketing dedicati al mondo del food&beverage. Una partnership vincente con il Gruppo Media Key che rappresenta dal 1982 un punto di riferimento per chi opera nel mercato della pubblicità e della comunicazione d’impresa, con tre aree: editoriale, attraverso due testate mensili: Media Key e Tv Key eventi, curando a cadenza annuale l’organizzazione del Key Award, che premia i migliori spot pubblicitari, dell’Interactive Key Award, dedicato al mondo del web e del mobile, e del Press, Outdoor & Promotion Key Award, dedicato alle migliori campagne stampa e affissione e campagne promozionali.
3) Celebration AIS Veneto che nominerà ufficialmente tutti i nuovi Sommelier durante la manifestazione con tantissimi aspiranti sommelier che saranno diplomanti con l’attestato ufficiale durante le giornate di Wine in Venice.

4) La Masterclass dei Campioni, la prima attività che inaugurerà il programma della nostra seconda edizione. Una masterclass incredibile, condotta dagli ultimi due migliori sommelier eletti dall’Associazione Italiana Sommelier , ovvero Alessandro Nigro Imperiale e Cristian Maitan neo miglior sommelier dell’anno 2023.
5) Closing Party @ Cà Select un evento imperdibile con mixology speciali per celebrare la conclusione della seconda edizione di “Wine in Venice” nella location perfetta, la casa degli aperitivi Veneziani ovvero Cà Select.
6) Itinerari diVini percorsi nelle eccellenze enoiche vicine a Venezia alla scoperta di posti unici come Venissa
7) Vive la France a cura di Alessandro Nigro Imperiale, eletto miglior sommelier d’Italia del 2023, nonché miglior sommelier dell’anno da parte di Gault & Millau. Una cantina francese, ricercata produttrice di Champagne, sarà la protagonista di una masterclass incredibile.
Per continuare a parlare di Masterclass saranno quattro giorni che offriranno un calendario di masterclass di primo piano che ci porterà in giro tra l’eccellenza veneta del Consorzio della Valpolicella, fino ai consorzi lombardi riuniti insieme da Ascovilo…dall’Oltrepò Pavese al Moscato di Scanzo per poi fermarsi sulle sponde del lago di Garda alla scoperta del suo Lugana per poi risalire la Val di Cembra e fantasticare con una ricercata maison di Champagne…

Scritto da: Redazione

Rate it

0%