Dalla città metropolitana

Polizia Locale: il report di un anno di attività a Venezia

today2 Febbraio 2024 44

Sfondo
share close

E’ stato presentato questa mattina nella sede del Comando generale della Polizia locale il rapporto relativo all’attività svolta nel corso del 2023. Ad illustrare i dati l’assessore alla Sicurezza, Elisabetta Pesce, il comandante generale, Marco Agostini, e il vicecomandante, Gianni Franzoi.

“I numeri sull’attività 2023 della nostra Polizia locale sono testimonianza di un importante lavoro le cui direttrici d’azione sono: prevenire e contrastare i fenomeni di criminalità diffusa e predatoria con particolare attenzione alle zone interessate dai fenomeni; la tutela della legalità e dissuasione di ogni condotta illecita; il contrasto al degrado – ha evidenziato l’assessore Pesce – Un grande lavoro è stato fatto anche con il programma Oculus, con numeri rappresentativi che nel 2023 confermano l’impegno di questa Amministrazione per il contrasto al degrado e per la promozione della legalità, con ben 130 interventi di bonifica e sgombero. Attività che permettono di mantenere un ambiente urbano più sicuro e privo di situazioni di degrado. Di fondamentale importanza per le indagini e come strumento di deterrenza è il nostro sistema di video sorveglianza che è in continua implementazione con il potenziamento delle attività di controllo attraverso il COTV, in cui convergono tutte le telecamere per il presidio costante e per l’invio immediato di pronto intervento. Il 2023 è stato un anno di notevole impegno che ha prodotto risultati tangibili, sia sul piano interforze con 665 servizi di cui 108 nell’operazione “Alto impatto”, attività coordinate dal prefetto di cui fa parte anche la nostra Polizia locale, sia per quanto riguarda la sicurezza urbana e la legalità. Il mio ringraziamento al Comando della Polizia locale e a tutti gli agenti impegnati nel grande lavoro. Ringrazio inoltre il prefetto, il questore, il comandante generale dei Carabinieri, della Guardia di finanza, i militari di “strade sicure” e le donne e gli uomini delle forze dell’ordine”.

Durante la conferenza il comandante Agostini ha anche evidenziato l’impegno dell’Amministrazione Brugnaro nel rafforzamento degli organici e dei mezzi di intervento: “Nel 2023, nell’obiettivo di aumentare la sicurezza e il senso di sicurezza dei cittadini, a conclusione del concorso pubblico sono stati assunti 70 nuovi agenti di polizia locale, sono stati acquistati 70 mezzi terrestri e 5 imbarcazioni, tutti con motori elettrici o ibridi. Nel corso dell’anno sono giunte alla Centrale operativa 36.277 segnalazioni con richiesta di intervento al centro operativo telecomunicazioni e videosorveglianza. Il COTV è, infatti, uno dei principali servizi della Polizia locale di Venezia. Attivo tutti i giorni, 24 ore su 24, garantisce ai cittadini una immediata assistenza in caso di necessità ed urgenza”.

Numerosi gli interventi effettuati dalla Polizia locale di Venezia, nell’arco dell’anno 2023, nell’ambito del contrasto allo spaccio e della tutela della sicurezza urbana. Nell’attività di contrasto allo spaccio di sostanze stupefacenti sono stati colti in flagranza di reato 139 spacciatori, di cui 44 tratti in arresto. In merito ai reati contro il patrimonio e illeciti amministrativi correlati sono stati effettuati 1372 ordini di allontanamento, sia per uso/dentezione di sostanze stupefacenti, sia per bivacco e prostituzione.

E’ proseguita in modo costante l’attività di monitoraggio, controllo, sgombero e bonifica dei siti contemplati nel programma Oculus. Un’attività svolta dal servizio Sicurezza urbana della Polizia locale finalizzata ad evitare che siti abbandonati si trasformino in luoghi di degrado. Nel corso dell’anno sono stati effettuati 130 interventi di bonifica e sgombero con oltre 40 persone denunciate.

Sono state intensificate le attività di controllo dei pubblici esercizi sia nel centro storico di Venezia ed isole che in terraferma, con una capillare azione di contestazione di violazioni a partire dall’occupazione illecita di suolo pubblico e dalla produzione di rumori disturbanti, continuando poi con la verifica dei titoli autorizzativi. Complessivamente sono state contestate 1439 sanzioni e sono stati comminati oltre 168 provvedimenti di sospensione provvisoria dell’attività. Per quanto riguarda il dettaglio delle operazioni, nel centro storico di Venezia ed isole sono state contestate 1135 sanzioni, con oltre 105 provvedimenti di sospensione provvisoria. Nella terraferma le sanzioni contestate ammontano a 304, con l’emanazione di 63 provvedimenti di sospensione provvisoria dell’attività. Nel quadro del controllo delle strutture ricettive, nel 2023 sono state comminate 16 sanzioni amministrative nel centro storico e nelle isole, mentre in terraferma sono state registrate 558 sanzioni.

Il Servizio sicurezza della navigazione, nell’anno 2023, ha emesso 162 sanzioni per superamento dei limiti di velocità, a fronte di oltre 216.682 “azioni di traguardo” con il telelaser. “Nel frattempo ci stiamo attrezzando per l’entrata in vigore del barcavelox – ha sottolineato Agostini – presto lo strumento di controllo sarà omologato ma prima, come indicato dal sindaco Brugnaro, faremo un periodo di prova ‘in bianco’ per sensibilizzare la popolazione e poi partiremo con le sanzioni” .

Tra le curiosità del rapporto 2023 anche le 262 sanzioni per l’uso di bicicletta nel centro storico di Venezia. Infine, sono state oltre 187mila le sanzioni per violazione del codice della strada.

Scritto da: Redazione

Rate it

Post simili


0%