Notizie dal Veneto

Ex C&C di Pernumia: Conclusa la bonifica

today6 Marzo 2024 77

Sfondo
share close

“Dopo 20 anni di duro lavoro oggi è un giorno straordinario perché parte l’ultimo camion di rifiuti pericolosi e, finalmente, possiamo dire di avere disinnescato una potente bomba ecologica. 15 milioni e 700 mila euro il costo dell’operazione, 54.000 le tonnellate complessive di rifiuti rimossi. E con questa colossale operazione risolviamo un problema enorme e possiamo restituire alla comunità questi spazi”

Lo dichiara l’assessore regionale allo sviluppo economico ed energia Roberto Marcato che questa mattina ha assistito alla partenza dell’ultimo camion di rifiuti dallo stabilimento della ex C&C di Pernumia, in provincia di Padova.

Un problema serio nato all’inizio degli anni 2000 quando iniziarono le segnalazioni degli abitanti della zona preoccupati per il tipo di rifiuti che venivano stoccati nel capannone di via Granze. L’azienda ha continuato ad operare fino al 2005 quando il Corpo Carabinieri Forestale dello Stato, su disposizione della magistratura, pose sotto sequestro il capannone

L’attività della ex “C&C” si svolgeva su un’area di circa 67.000 m2 in Comune di Pernumia. Di questi, circa 14.300 m2 occupati da due capannoni aventi rispettivamente una superficie di 11.200 m2 e di 3.100 m2. Al momento del sequestro, all’interno dei suddetti capannoni si trovavano stimati circa 54.000 tonnellate di rifiuti: circa 46.000 tonnellate nell’edificio più grande ed altri circa 8.000 tonnellate in quello minore.

Gli interventi, realizzati da Veneto Acque S.p.A., sono stati affidati tramite gara europea. Nell’arco del 2024 è prevista l’ultimazione di alcune indagini ambientali disposte dal piano di caratterizzazione del sito e approvato dagli enti di controllo.

“Questo intervento è costato alla Regione del Veneto 15.700.000 di euro, 13.500.000 dei quali a valere sulla Legge speciale per Venezia – ha precisato Marcato – ma oggi possiamo ben dire che abbiamo portato a termine un’opera mastodontica, a beneficio dell’ambiente, del territorio e soprattutto della comunità”.

Scritto da: Redazione

Rate it

0%