Dalla città metropolitana

Venezia sempre più pioniera dell’idrogeno e delle energie innovative

today9 Maggio 2024 18

Sfondo
share close

La Giunta comunale nella sua ultima seduta ha licenziato, su proposta dell’assessore all’Urbanistica, la delibera di Consiglio comunale relativa alla variante per la realizzazione a Marghera del Parco dell’idrogeno e delle energie innovative.

“Si tratta di un progetto in linea con l’obiettivo di questa Amministrazione di garantire alla città un’aria pulita – spiega il sindaco di Venezia – Dopo i tanti chilometri di piste ciclabili, dopo i parchi e le tantissime piantumazioni ecco un altro tassello: il cambio di destinazione di un’area da produttiva a parco delle energie innovative”.

“La delibera riclassifica la zona al fine di poter insediare le attività legate alla produzione e distribuzione dell’idrogeno e delle energie “pulite” – spiega l’assessore all’Urbanistica – Il progetto garantirà il rifornimento della nuova flotta di 90 autobus ad idrogeno che sarà in circolazione nel servizio di TPL urbano del Comune di Venezia a partire dal 30 giugno 2026. AVM ha avviato una procedura ad evidenza pubblica per individuare un partner privato interessato alla progettazione, costruzione e gestione di una stazione di rifornimento di idrogeno nel territorio del Comune di Venezia”.

A seguito della gara, il partner privato è stato individuato in EniLive che ha messo a disposizione un’area di proprietà di circa 21.000 mq, localizzata in Via Righi, in cui verrà realizzato, sulla base di uno studio di fattibilità redatto in collaborazione con AVM, l’impianto di rifornimento di idrogeno.

Il progetto della stazione di rifornimento di idrogeno è risultato primo classificato, con un contributo di 5.750.000 euro, nella graduatoria dell’Avviso pubblico per la selezione di proposte progettuali per la realizzazione di stazioni di rifornimento a base di idrogeno rinnovabile per il trasporto stradale, da finanziare nell’ambito del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR).

L’idrogeno verde necessario al rifornimento della flotta di autobus a idrogeno di AVM sarà prodotto da un impianto di produzione, per elettrolisi dell’acqua alimentato prevalentemente da energia elettrica rinnovabile, che la società Green Hydrogen Venezia (50% AGSM AIM e 50% Eni) intende realizzare a poca distanza in un’area di proprietà di circa 22.000 mq inutilizzata dal 2017. La localizzazione degli impianti per la produzione, stoccaggio e distribuzione di idrogeno verde in corrispondenza del canale navigabile Brentella potrà consentire nel futuro anche la possibilità di rifornimento per imbarcazioni alimentate ad idrogeno.

Scritto da: Redazione

Rate it

0%